Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Superstudio - Progetti e pensieri 1966-1978

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

11 4. Il ruolo delle riviste quali veicoli di divulgazione e di analisi critica del Superstudio: l’anno 1969. Nel periodo in cui si costituiva il Superstudio, venivano a formarsi altri gruppi di giovani interessati alla sperimentazione dei nuovi linguaggi e delle stimolanti ricerche artistiche ed architettoniche nazionali ed internazionali che in quegli anni continuavano a rinnovarsi e a proporsi anche sulla scena italiana attraverso canali disparati, dalle mostre agli happenings ai nuovi mass media. Una funzione direi fondamentale veniva svolta nella diffusione di tali linguaggi ed esperienze dalle riviste specializzate di arte e di architettura, a partire dalla stessa “Casabella” che nel 1968 aveva pubblicato l’articolo suddetto sulla mostra Ipotesi di spazio relativa al corso Spazio di coinvolgimento. Il compito svolto da riviste italiane come “Domus”, “Casabella”, “Op. cit.”, “Modo” ed “In” non era solo quello di divulgare tali esperienze, ma anche – in modo diverso e con maggiore o minore tendenza all’approfondimento – di favorire la nascita e lo sviluppo di dibattiti, di confronti, di schieramenti, di discussioni sia fra gli stessi giovani gruppi ed esponenti del panorama artistico ed architettonico contemporaneo, sia fra questi e la critica ufficiale, sia fra questi e artisti già affermati. Altrettanto importante poi era stato il ruolo svolto da altre testate internazionali, da “Architectural Design” a “Design Quarterly” a “The Japan Architect”, ai fogli specifici auto-prodotti da alcuni gruppi del momento, quale il famoso “Archigram”, o quelli della cosiddetta stampa alternativa, da “Oz” a “Pianeta Fresco” a “Urlo Beat”, sui quali le nuove esperienze artistiche ma anche architettoniche trovavano spazio e considerazione critica particolare, accanto alla presenza dei testi di poesia e di letteratura beat. Una breve carrellata sul panorama di tali riviste potrebbe forse fare maggiore chiarezza almeno in questa fase iniziale e completare il complesso quadro che sto cercando di tracciare sui canali di diffusione della poetica e della prima attività del Superstudio. riesaminato con cura quei progetti e modelli, sono convinto dell’utilità, necessità e verità di quella ricerca (…)” (Da L. Ricci, Presentazione cit. , p. 2).

Anteprima della Tesi di Ilaria Bignotti

Anteprima della tesi: Superstudio - Progetti e pensieri 1966-1978, Pagina 11

Tesi di Laurea

Facoltà: Lettere e Filosofia

Autore: Ilaria Bignotti Contatta »

Composta da 642 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 8378 click dal 01/02/2007.

 

Consultata integralmente 17 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.