La certificazione di qualità negli Enti Locali: l'esperienza d'avanguardia della Provincia di Ferrara

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

5 - nella ricerca dei migliori metodi di “produzione”, al fine di ottenere dallo stock di risorse disponibile la maggiore produttività, ovvero, di ottenere gli stessi prodotti/servizi con un minor dispendio di risorse; si tratta di trovare la via per combinare al meglio i fattori produttivi dell’ente attraverso la migliore organizzazione del lavoro e del capitale umano, la riduzione dei costi superflui di gestione e la riduzione degli sprechi intesa sia come rilavorazione delle pratiche che come erogazione di servizi non rispondenti alle richieste (efficienza). - nel conseguire allo stesso tempo il soddisfacimento dei due obiettivi di efficacia ed efficienza, cioè raggiungere l’equilibrio tra risorse economiche consumante ed affluite nella gestione in modo da garantire la sopravvivenza dell’ente nel tempo, e, contestualmente, nel soddisfare al meglio i bisogni degli utenti (economicità) 5 . La recente produzione normativa riguardo alla riforma della Pubblica Amministrazione locale si è sviluppata per favorire l’adeguamento del ruolo degli enti territoriali al mutato contesto socio-economico: una prima spinta al cambiamento di “peso” tra Stato ed enti locali è stata impressa dalle c.d. “ leggi Bassanini”: legge 15 marzo 1997, n. 59: Delega al Governo per il conferimento di funzioni e compiti alle regioni ed enti locali, per la riforma della Pubblica Amministrazione e per la semplificazione amministrativa. (Bassanini); legge 15 maggio 1997, n. 127: Misure urgenti per lo snellimento dell’attività amministrativa e dei procedimenti di decisione e controllo. (Bassanini Bis) 6 . Un altro importantissimo contributo è stato dato dalla Legge costituzionale 18 ottobre 2001, n. 3: Modifiche al titolo V della parte seconda della Costituzione 7 che ha letteralmente ribaltato la precedente impostazione riservando alle Regioni tutte le materie residuali rispetto a quelle, poche ed esclusive, dello Stato e a quelle “concorrenti” Stato-Regioni. La riforma della Costituzione va considerata come il punto di arrivo di una tendenza pluriennale, spinta dalle evidenti inefficienze delle Amministrazioni Centrali, 5 Per una trattazione più puntuale, si veda: DEIDDA GAGLIARDO E. “La creazione del valore nell’ente locale. Il nuovo modello di governo economico”, Milano, Giuffrè editore, 2002, pagg. 11-14. 6 Per un approfondimento, si veda: “Leggi statali- Bassanini” dal sito http://www.ibc.regione.emilia- romagna.it/leggi_stat_bass.htm, lunedì 29 agosto ore 19:10. 7 Si veda: “Legge costituzionale 3/2001” dal sito http://www.senato.it/parlam/leggi/01003lc.htm, lunedì 29 agosto ore 19:14.

Anteprima della Tesi di Ambra Masetti

Anteprima della tesi: La certificazione di qualità negli Enti Locali: l'esperienza d'avanguardia della Provincia di Ferrara, Pagina 6

Tesi di Laurea

Facoltà: Economia

Autore: Ambra Masetti Contatta »

Composta da 257 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 3719 click dal 23/01/2007.

 

Consultata integralmente 9 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.