Skip to content

Effetti della variazione dei tassi di rendimento sull'equilibrio finanziario di un fondo pensione a prestazioni definite

Gratis La preview di questa tesi è scaricabile gratuitamente in formato PDF.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline. L'iscrizione non comporta alcun costo: effettua il Login o Registrati.

Mostra/Nascondi contenuto.
14 Per eliminare i dubbi interpretativi che ancora permanevano in ordine agli effettivi destinatari della norma, è stato emanato il decreto legge n. 355/2001 - poi convertito in legge 27.11.2001, n. 417 - che ha fornito l’interpretazione autentica dell’articolo 1, comma 23, della legge n. 335/1995, precludendo, di fatto, ai lavoratori con più di 18 anni di contributi al dicembre 1995, la possibilità di optare per tale sistema di calcolo. Al di là delle scelte di contenuto, quali l’adozione del metodo contributivo e la flessibilità dell’età pensionabile, una delle linee guida della riforma pensionistica del 1995 si esprime con la formula dell’armonizzazione, cui si collega il processo di ridefinizione dei regimi particolari, destinati a subire un assestamento normativo mediante la tecnica della legislazione delegata. Nella prospettiva del conseguimento di un’armonizzazione del sistema pensionistico, la legge n. 335 è intervenuta anche per la regolazione di istituti giuridici comuni all’intero sistema pensionistico in materia di prestazioni previdenziali ed assistenziali di invalidità e inabilità (art. 3, comma 3), ed in materia di contribuzione figurativa, ricongiunzione, riscatto e prosecuzione volontaria (art. 1, comma 39). La legge n. 335, all’art. 2, si rivolge all’armonizzazione dei trattamenti pensionistici per il settore pubblico, ponendosi in termini di assetto istituzionale, per l’attrazione dei trattamenti pensionistici a carico del bilancio dello Stato nell’ambito dell’INPDAP 9 , e nel contempo di assetto sostanziale, per l’avvicinamento alla configurazione del sistema pensionistico per il lavoro privato 10 . La legge 335, inoltre, ricopre un ruolo di grande rilevanza in quel progetto di risanamento avviato dal legislatore nel 1992, e rivolge un’attenzione particolare allo sviluppo della previdenza complementare. Successivamente, le modifiche legislative apportate nel corso del 1995 dal governo Dini, unitamente al riordino dell’intero sistema previdenziale di base, hanno dato pieno ed immediato sviluppo ai fondi pensione. Degna di nota risulta la legge 27 dicembre 1997, n. 449 che è espressione del dibattito scaturito dalla necessità di intervenire con modifiche di carattere strutturale anche sul sistema pensionistico per concorrere al risanamento della finanza pubblica, al fine di consentire l’ingresso dell’Italia nell’area della moneta unica europea. Inoltre, essa è da considerarsi un 9 L’INPDAP (Istituto Nazionale di Previdenza per i Dipendenti dell’Amministrazione Pubblica) svolge in materia pensionistica i compiti che erano affidati alla Cassa per le pensioni per i dipendenti degli enti locali, alla Cassa per le pensioni agli insegnanti d’asilo e di scuole elementari parificate, alla Cassa per le pensioni ai sanitari ed alla Cassa per le pensioni agli ufficiali giudiziari ed ai coadiutori, amministrate in precedenza dalla Direzione generale degli istituti di previdenza del Ministero del tesoro. Inoltre, con effetto dal 1° gennaio 1996 (articolo 2 della legge 8 agosto 1995, n. 335) è stata istituita presso l’INPDAP la gestione separata dei trattamenti pensionistici ai dipendenti dello Stato. 10 Nella convergente logica della armonizzazione e della generalizzazione del sistema, l’art. 1, comma 41, della legge n. 335 ha esteso la disciplina della pensione ai superstiti vigente per l’assicurazione generale obbligatoria alle forme di previdenza esclusive e sostitutive. Ne consegue che, fermo restando il trattamento sul quale calcolare la pensione di reversibilità, si determinano invece secondo le norme dell’assicurazione generale obbligatoria le categorie di superstiti aventi titolo alla pensione di reversibilità ed il calcolo di detta pensione.
Anteprima della tesi: Effetti della variazione dei tassi di rendimento sull'equilibrio finanziario di un fondo pensione a prestazioni definite, Pagina 10

Indice dalla tesi:

Effetti della variazione dei tassi di rendimento sull'equilibrio finanziario di un fondo pensione a prestazioni definite

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Marco Maderna
  Tipo: Tesi di Laurea
  Anno: 2005-06
  Università: Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano
  Facoltà: Economia
  Corso: Economia e Commercio
  Relatore: Fausto Mignanego
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 118

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

actuarial surplus
fondi pensione
martingala
metodi di funding
random walk
tassi di interesse

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi