La sicurezza informatica in applicazioni direzionali: una soluzione per la gestione sicura dei dati nella piccola e media impresa

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

Introduzione III INTRODUZIONE La sicurezza informatica è uno dei temi di maggior attualità nel campo delle tecnologie moderne. La diffusione di Internet in scala mondiale ha indotto i governi degli stati occidentali ad affrontare d’urgenza i temi relativi alla sicurezza informatica, analizzando e cercando di trovare soluzione ai reati informatici più pericolosi. La diffusione dell’informatica nelle aziende ha un duplice effetto: mentre da un lato molti dei processi decisionali e produttivi vengono ottimizzati grazie all’opera dei personal computer, dall’altro, affidare ai computer l’archiviazione e la gestione dei dati vitali di un’azienda, mette l’azienda stessa a rischio di eventuali “attacchi” da parte di persone malintenzionate e di malfunzionamenti che potrebbero determinare un rallentamento o un arresto dei processi produttivi e decisionali gestiti dal sistema informatico in adozione. Mentre le grandi aziende si stanno attrezzando delle tecnologie di sicurezza più evolute al fine di tutelarsi da questi rischi, la piccola e media impresa spesso è risulta essere impreparata sia per mancanza di investimenti nel settore, sia per ignoranza o sfiducia verso il mercato dell’informatica. L’elaborato in esame analizzerà, sinteticamente, le problematiche più rilevanti in tema di sicurezza informatica sia

Anteprima della Tesi di Claudio Della Pietra

Anteprima della tesi: La sicurezza informatica in applicazioni direzionali: una soluzione per la gestione sicura dei dati nella piccola e media impresa, Pagina 1

Tesi di Laurea

Facoltà: Ingegneria

Autore: Claudio Della Pietra Contatta »

Composta da 138 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 3759 click dal 24/01/2007.

 

Consultata integralmente 4 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.