Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Questione di stile. Scrivere per capire e farsi capire all'interno della Pubblica Amministrazione

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

1. Saper comunicare attraverso i testi scritti 11 1.1 Scrivere per comunicare 1.1.1 Verba volant, scripta manent Dai graffiti al papiro, passando per l’invenzione della stampa a caratteri mobili fino ad arrivare all’attuale evoluzione dei media, la scrittura si è trasformata in profondità. Da antico patrimonio per pochi eletti, raro, legato all’immobilità della conoscenza e alla tradizione da tramandare, questa forma di comunicazione si presenta invece oggi come moderno bene di comunione e di contatto, consentendo di scambiare idee, opinioni, saperi tra individui. Nel corso della sua storia, la scrittura ha potenziato e modellato l’attività intellettuale dell’uomo: ormai essa è stata interiorizzata così profondamente dagli individui che diventa difficile pensarla come un’invenzione, un artificio creato ad hoc per consentire l’interazione umana 1 . È impensabile ipotizzare anche solo un frammento della propria giornata che non risulti pervaso e mediato da qualche messaggio scritto. Giornali, libri, insegne, liste della spesa, sms, documenti cartacei o su qualsiasi altro supporto sono solo alcuni dei tanti modi diversi con cui ci appare la scrittura, consentendoci, a seconda dei casi, di ricordare, conoscere, far sapere. In particolare negli ultimi decenni, con il diffondersi della telematica e della multimedialità, l’assetto globale della comunicazione è cambiato notevolmente e, di conseguenza, anche l’attività di scrittura è andata incontro ad una lenta ma continua metamorfosi. Le procedure con cui si scrivono testi, le modalità con cui si archiviano e recuperano, le loro tipologie e addirittura i modi in cui gli scritti vengono poi percepiti da scrittori e lettori sono cambiati profondamente con l’impiego dell'informatica. Attraverso la scrittura è possibile trasformare la parola parlata in segni grafici: essa consente di visualizzare gli enunciati e così il linguaggio cessa di essere puro suono, vincolato alla condizione della compresenza tra parlanti. Le parole non 1 I primi esempi di scrittura di cui gli studiosi sono a conoscenza si svilupparono tra i Sumeri della Mesopotamia intorno all’anno 3500 a.C.; prima di allora, per millenni, gli esseri umani hanno continuato ad esprimersi con disegni e altri strumenti di memorizzazione, come bastoncini intagliati, cordicelle, file di sassolini. W.J. Ong, Oralità e scrittura. Le tecnologie della parola, Il Mulino, Bologna 1986, pag. 125.

Anteprima della Tesi di Anna Domini

Anteprima della tesi: Questione di stile. Scrivere per capire e farsi capire all'interno della Pubblica Amministrazione, Pagina 7

Tesi di Laurea

Facoltà: Lettere e Filosofia

Autore: Anna Domini Contatta »

Composta da 164 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1905 click dal 25/01/2007.

 

Consultata integralmente 12 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.