Le scelte minime, il colloquio in campo psicopedagogico

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

Furio Vanossi Le scelte minime/CRONOLOGIA SUPSI/DLS/LD 8 CAPITOLO 1° PARTE TEORICA 1.1 LA RELAZIONE EDUCATIVA COME STRUMENTO D’INTERVENTO L’intervento educativo deve contenere le dimensioni di progettualità e programmazione, che ri- chiamano alla nozione fenomenologica 2 di intenzionalità. Agire con intenzionalità significa con- trapporsi ad un modello d’ intervento fondato sull’improvvisazione e sull’ovvietà. Scrive Zaghi 3 a questo proposito: “(...)fare educazione secondo criteri di intenzionalità significa per l’educatore ri- nunciare in primo luogo ad una funzione acritica e passiva, ad un compito di pura mediazione di qualcosa di per sé dato come le tradizioni o le consuetudini, gli obblighi 4 ”. Lo strumento per coinvolgere l’utente nell’intenzionalità tesa a un obiettivo di autonomia è la rela- zione educativa: una sorta di patto di alleanza e progettualità dove vengono proposte opportunità favorevoli e competenze. Nella relazione educativa viene valorizzata la presenza attiva, l’originalità e la responsabilità, nel trasmettere competenze per vivere meglio. Occorre ri-trovare nella pedagogia l’epistemologia propria dell’agire pedagogico: trasmette- re/allenare competenze, allenare la relazione nei diversi contesti quotidiani (dal datore di lavoro al controllore del bus). Il prodotto deve concretizzarsi in un cambiamento. La metabletica della peda- gogia che Demetrio ci propone è indirizzata nell’ instaurare una relazione educativa coordinando in modo sinergico e progettuale le risorse, le competenze, i desideri, le necessità, i limiti e le possibili- tà, con il fine di produrre un cambiamento funzionale al processo di autonomia dell’utenza. Soprat- tutto la pedagogia deve ricondurci a procedimenti d’azione, trasformazione, scelta, decisione. 2 La fenomenologia studia le situazioni così come ci appaiono. Descrive i fenomeni così come si manifestano alla co- scienza nella loro immediatezza, ossia senza ricorrere a interpretazioni fondate su presupposti teoretici e logici mu- tuati dalla tradizione filosofica o dalle scienze naturali. 3 Piero Zaghi è pedagogista, ha lavorato come educatore, è impegnato da diversi anni nei corsi per la formazione e la ri- qualificazione degli educatori professionali approntati dalla Regione Emilia Romagna. Ha pubblicato uno studio sul lin- guaggio, “Comunicazione verbale: un’analisi pedagogica” e articoli di approfondimento delle tematiche linguistiche sulla rivista “Infanzia”. 4 ZAGHI P., L’educatore professionale, ed. Armando, Roma, 1995, p. 12.

Anteprima della Tesi di Furio Vanossi

Anteprima della tesi: Le scelte minime, il colloquio in campo psicopedagogico, Pagina 3

Tesi di Laurea

Facoltà: Dipartimento lavoro sociale

Autore: Furio Vanossi Contatta »

Composta da 154 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2828 click dal 07/02/2007.

 

Consultata integralmente 4 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.