Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

I diritti delle donne islamiche

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

analfabetismo e mancata partecipazione femminile alle attività economiche monetarizzate. La donna araba costituisce il massimo della differenza, o almeno così siamo stati abituati a credere. Abbiamo cioè interiorizzato un modello di relazioni fra “noi” (Occidente) e “loro” (Oriente) che esotizza gli arabi e/o musulmani. Per molti aspetti, il mondo islamico costituisce un “altro Occidente”, sviluppatosi parallelamente al nostro che, peraltro, è già ampliamente diversificato al proprio interno: Europa, Giappone, USA non sono evidentemente la stessa cosa. L’Islam è Occidente sia a causa delle sue origini (una sintesi culturale straordinaria fra l’apporto arabo iniziale e, fra le altre, la cultura greco-romana assimilata dai Bizantini), sia per le vicende storiche degli ultimi due secoli: l’ esperienza coloniale ha prodotto nel mondo arabo trasformazioni, costringendo gli arabi a un meticciato culturale con l’ Europa. Noi, però, continuiamo ad enfatizzare le differenze per definire la nostra identità, quindi esotizziamo sempre e comunque. E ci immaginiamo povere donne musulmane schiave della poligamia, ad esempio. Se andassimo però a verificare i fatti, scopriremmo che, in media, negli anni ottanta nel mondo arabo solo in due paesi, Arabia Saudita e Sudan, la percentuale di poligami fra i maschi supera il 10%: Il che significa che in tutti gli altri paesi arabi la percentuale è inferiore a tale cifra, cioè che vi è almeno un 90% di maschi monogami. Oppure le immaginiamo sempre e comunque velate ( o meglio, con il chador: indumento solo iraniano che, però, pensiamo essere indossato da ogni musulmana del pianeta), anche contro la loro volontà repressa di

Anteprima della Tesi di Samanta Caputo

Anteprima della tesi: I diritti delle donne islamiche, Pagina 3

Tesi di Laurea

Facoltà: Sociologia

Autore: Samanta Caputo Contatta »

Composta da 248 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 22546 click dal 07/02/2007.

 

Consultata integralmente 79 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.