Skip to content

Dai fatti di cronaca al piccolo schermo: i temi della fiction televisiva

La preview di questa tesi è scaricabile gratuitamente in formato PDF.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline. L'iscrizione non comporta alcun costo: Loggati o Registrati.

Mostra/Nascondi contenuto.
Negli anni della Golden Age della televisione, ovvero negli anni Cinquanta negli Stati Uniti, Paddy Chayefsky, autore televisivo, ha da subito ben chiaro quanto la televisione abbia delle caratteristiche particolari rispetto agli altri mezzi e come questo comporti alcune scelte di campo. Nonostante in quel periodo la televisione sia agli albori e inizino a sperimentarsi le prime forme di drama trasmesse in televisione, quando si affronta il problema di scegliere che cosa narrare e come, Chayefsky afferma: I am just now becoming aware of this area, this marvelous world of the ordinary. This is an age of savage introspection, and television is the dramatic medium through which to expose our new insights into ourselves. The stage is too weighty, and the movies too intense, to deal with the mundane and all its obscured ramifications (Logaldo 2003, p. 25) 1 . Così, secondo i primi autori, la televisione deve guardare al reale e all’ordinario, perché in televisione non c’è il tempo necessario per approfondire sufficientemente un argomento. È il periodo storico in cui la serialità non si è ancora affermata e in cui la fiction è una sorta di film in miniatura: ridotte dimensioni dello schermo e tempo ridotto delle storie. Con il passare del tempo, si sperimentano forme nuove, migliora la tecnica, nascono gli effetti speciali e si possono rappresentare mondi immaginari, ma permane il privilegiato rapporto che la televisione ha con la realtà e sembra che la televisione cerchi di porsi sempre più come uno specchio della realtà. Con la serialità e le nuove tecniche produttive è possibile approfondire gli aspetti psicologici e sociali delle storie narrate, è possibile porsi come uno specchio interpretante la realtà in maniera sempre più approfondita, sino a diventare in alcuni casi “produttore” di realtà. 1 “Sto davvero diventando consapevole di questo ambito, di questo meraviglioso mondo dell’ordinario. Questa è un’era di grande introspezione, e la televisione è il medium drammatico attraverso il quale poterci capire. Il palcoscenico è troppo pesante e i film troppo profondi per avere a che fare con il quotidiano e tutte le sue oscure ramificazioni” (trad. di Barbara Vidili). 19
Anteprima della tesi: Dai fatti di cronaca al piccolo schermo: i temi della fiction televisiva, Pagina 14

Indice dalla tesi:

Dai fatti di cronaca al piccolo schermo: i temi della fiction televisiva

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

Autore: Barbara Vidili
Tipo: Laurea liv.II (specialistica)
Anno: 2005-06
Università: Libera Università di Lingue e Comunicazione (IULM)
Facoltà: Scienze della Comunicazione e dello Spettacolo
Corso: Televisione Cinema e Produzione Multimediale
Relatore: DanielaCardini
Lingua: Italiano
Num. pagine: 200

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario, dalla commissione in sede d'esame, e - se pubblicata su Tesionline - anche dalla nostra redazione.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani

Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi?
Quale sarà il docente più disponibile?
Quale l'argomento più interessante per me?
...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile


La tesi l'ho già scritta, ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri. Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi