Il ruolo del venture capital nello sviluppo economico: forze motrici e strategie dei governi

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

3 INTRODUZIONE Il venture capital, cioè l’attività di finanziamento in capitale di rischio finalizzata all’avvio di nuove imprese, è l’argomento di cui voglio trattare in questo lavoro di ricerca. Lo scopo è quello di dare una visione di insieme dell’attività di venture capital. Cioè di mettere in evidenza come esso da una parte costituisca una forma importante di finanziamento per le imprese alternativo alle tradizionali fonti di finanziamento, ma d’altra parte deve essere visto come una delle componenti fondamentali dello sviluppo economico di un paese. Infatti, se come attività di finanziamento esso presenta dei vantaggi rispetto ad altre forme di finanziamento ed in particolare rispetto a quella a titolo di capitale di debito, d’altra parte, da un punto di vista macroeconomico, il venture capital contribuisce allo sviluppo di un’economia. E ciò in particolare è dovuto al fatto che oggigiorno la competitività di un paese dipende sempre di più dalle imprese che operano in settori ad elevato contento tecnologico, nonché dalla ricerca che un paese è in grado di produrre. Ed è proprio il venture capital che dà la possibilità alle nuove imprese ed ai progetti di ricerca di poter crescere e svilupparsi grazie al supporto finanziario e manageriale. Infatti, l’elevato rischio e i problemi di asimmetria informativa che caratterizzano queste imprese non permette loro di poter accedere ai tradizionali canali di finanziamento.

Anteprima della Tesi di Francesco Romeo

Anteprima della tesi: Il ruolo del venture capital nello sviluppo economico: forze motrici e strategie dei governi, Pagina 1

Tesi di Laurea

Facoltà: Economia

Autore: Francesco Romeo Contatta »

Composta da 119 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 5463 click dal 12/02/2007.

 

Consultata integralmente 22 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.