Viaggio in metropolitana attraverso la struttura organizzativa e fisica della stazione Termini

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

12 costruiscono reciprocamente; poiché l’informazione non è data ma costruita, gli individui non sono osservatori ma attori. Le situazioni sono sistemi aperti ,mai completamente strutturati e cambiano a seconda degli attori .Questa è la teoria dell’azione situata che non parte da informazioni date ma dalla mutevole interazione che gli attori stabiliscono con gli loro ambienti saturi di occasioni. Le situazioni sono il luogo in cui gli interessi degli attori e le opportunità dell’ambiente si incontrano e si costruiscono reciprocamente,cambiando a seconda degli attori. La teoria dell’ azione situata si basa sulle mutevoli interazioni che gli attori stabiliscono con i loro ambienti. La conoscenza dipende dal contesto risente della specificità della situazione ed è strettamente legata all’azione. L’attore sfrutta le opportunità della situazione e si muove reagendo all’ambiente e seguendo i suoi obiettivi 77 . 1.3 ANNI ’80. LE INTERFACCE DESTINATE AGLI UTENTI Gli interventi effettuati negli anno 70 nell‘industria avevano portato tangibili miglioramenti negli ambienti di lavoro. L’ergonomia sposta il suo interesse principale dal lavoratore dell’industria all’addetto al lavoro d’ufficio. Dalla ricerca del benessere fisico a quella del benessere mentale a cui peraltro quello fisico è strettamente legato. Con gli anni 80 infatti e la diffusione del computer sui luoghi di lavoro, emergono nuove problematiche. Proprio nel periodo di massima accelerazione dell’industria del software, si avverte l’inadeguatezza delle interfacce destinate all’utente;emergono quegli aspetti del lavoro d’ufficio ,prima inimmaginabili, dannosi per gli individui come le posture fisse,l’elevato impegno visivo e mentale spesso fonte di stress. Si comprende che per sfruttare le enormi potenzialità dei computer, è necessario apprendere specifici linguaggi-macchina che istruiscano sulle operazioni dello strumento. E’ un ritorno, sia pure in termini inediti, all’adattamento 77 Cfr. Mantovani, op.cit., pp.29-.31.

Anteprima della Tesi di Costanza Diquattro

Anteprima della tesi: Viaggio in metropolitana attraverso la struttura organizzativa e fisica della stazione Termini, Pagina 8

Tesi di Laurea

Facoltà: Scienze della Comunicazione

Autore: Costanza Diquattro Contatta »

Composta da 196 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1330 click dal 15/02/2007.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.