Un prototipo per la gestione del ciclo di vita dei contratti legali

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

12 contratto definitivo. Il contratto preliminare è nullo se non è stipulato nella stessa forma che la legge prescrive per il contratto definitivo. Se il soggetto obbligato a contrarre non adempie, l'altra parte può: - chiedere, mediante domanda giudiziale, l'emanazione di una sentenza che sostituisce il consenso e produce gli stessi effetti del contratto definitivo non concluso. - chiedere la risoluzione del contratto preliminare per inadempimento, con la condanna dell'inadempiente al risarcimento del danno. 1.3 Il contenuto e gli effetti del contratto Il contenuto del contratto è dato da tutto ciò che viene stabilito dalle parti per regolare i loro interessi privati. Può essere integrato dalle cosiddette clausole d'uso, che si intendono inserite per consuetudine, salvo che risulti che non sono state volute dalle parti. L'articolo 1372 del Codice civile dispone che il contratto, una volta concluso, ha forza di legge tra le parti: tale formula sottolinea la serietà dell'impegno assunto sul piano giuridico ed esprime il principio della non risolubilità del contratto per la volontà unilaterale. Il contratto non può sciogliersi che a seguito di un nuovo contratto oppure per le cause ammesse dalla legge. L’efficacia dei contratti si estende anche nei confronti del successore a titolo universale di ciascun contraente e nei confronti degli aventi causa o successori a titolo particolare. 1.4 L’estinzione del contratto L'estinzione del contratto è la vicenda che conclude il rapporto obbligatorio e fa venir meno le posizioni di debito e di credito. Il modo normale di estinzione dell'obbligazione è l'adempimento, inteso quale esatta esecuzione della prestazione dovuta da parte del debitore o comunque imputabile ad esso. Oltre all'adempimento esistono anche modalità alternative di estinzione del rapporto. Il codice civile le disciplina agli art. 1230-1259 c.c. , definendole "modi di estinzione diversi dall'adempimento". Della categoria fanno parte: - la dazione in pagamento (menzionata, tuttavia, all'art. 1197 c.c.) che consiste nell'esecuzione da parte del debitore di un rapporto obbligatorio di una prestazione in sostituzione di quella dovuta con il consenso del creditore. Ad esempio Tizio è obbligato a dare 1000 euro a Caio, ma non avendo denaro liquido consegna in pagamento a Caio, che accetta, un bene mobile del valore di mille euro;

Anteprima della Tesi di Federica Sarro

Anteprima della tesi: Un prototipo per la gestione del ciclo di vita dei contratti legali, Pagina 10

Laurea liv.I

Facoltà: Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali

Autore: Federica Sarro Contatta »

Composta da 123 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1406 click dal 19/02/2007.

 

Consultata integralmente una volta.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.