Skip to content

Il rischio elettrico in endoscopia

La preview di questa tesi è scaricabile gratuitamente in formato PDF.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline. L'iscrizione non comporta alcun costo: Loggati o Registrati.

Mostra/Nascondi contenuto.
Il rischio elettrico nei locali ad uso medico industriale, capaci di provocare il tetano muscolare, hanno intensità tre o quattro volte superiore alla reobase. 1.1.2 Ustioni Quando il corpo umano è attraversato dalla corrente elettrica, cioè viene a far parte di un circuito elettrico, possono verificarsi ustioni lungo il percorso della corrente nei punti dove questa assume densità elevate. Il fenomeno delle ustioni è legato all’effetto Joule: la trasformazione di potenza elettrica in potenza termica provoca un innalzamento della temperatura locale e quindi la comparsa di specifiche lesioni (spesso il punto di contatto elettrico, e quindi quello a maggiore densità di corrente, è la cute: tali lesioni cutanee sono anche note come “marchio elettrico”). 1.1.3 Arresto della respirazione I centri respiratori governano, attraverso un’attività automatica riflessa, i movimenti respiratori; si tratta di centri nervosi, inspiratori ed espiratori, situati nel pavimento del quarto ventricolo e collegati funzionalmente con i centri che regolano la pressione del sangue e il ritmo del cuore e ad un centro della protuberanza (centro pneumotassico) che sembra sensibile alla concentrazione di anidride carbonica e che svolge, in particolare, la funzione di regolare il ritmo del respiro. Dai centri respiratori si dipartono le fibre che portano gli impulsi ai vari nuclei motori che comandano i movimenti della laringe, del diaframma e i muscoli inspiratori. Il passaggio della corrente elettrica nei centri respiratori può provocare l’arresto della respirazione (paralisi respiratoria), senza alcuna possibilità di ripresa e di regolazione volontaria del ritmo. Questo fenomeno può verificarsi per inibizione diretta dei centri respiratori o per contrazione tetanica dei muscoli della gabbia toracica; viene comunque resa impossibile la ventilazione, ossia l’ingresso e l’uscita dell’aria dai polmoni, a causa dell’assenza dei necessari movimenti respiratori del torace. Il risultato è l’asfissia, con mancata ossigenazione di tutti gli organi e gli apparati e l’accumulo di anidride carbonica nei tessuti, che, se protratta nel tempo, può portare alla morte dell’individuo. 1.1.4 Elettrofisiologia cardiaca e fibrillazione ventricolare Lo studio degli effetti patologici delle correnti elettriche, per quanto riguarda la fibrillazione ventricolare, richiede di premettere alcuni brevi cenni sui potenziali bioelettrici, con particolare riferimento al cuore e al ciclo cardiaco. I potenziali bioelettrici sono caratteristici di tutte le cellule eccitabili e pertanto anche di quelle miocardiche. Si tratta di differenze di potenziale tra l’ interno e l’ esterno della membrana cellulare. Tali strutture agiscono come filtri selettivi di ioni: gli ioni che principalmente contribuiscono alla generazione dei potenziali biolettrici sono il sodio, il potassio e il cloro. Sulla membrana cellulare si determina dunque un gradiente di concentrazione e un gradiente di potenziale elettrico. Il potassio (K+), ha una concentrazione maggiore all’interno delle 8
Anteprima della tesi: Il rischio elettrico in endoscopia, Pagina 6

Indice dalla tesi:

Il rischio elettrico in endoscopia

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

Autore: Michela D'antò
Tipo: Laurea liv.I
Anno: 2005-06
Università: Università degli Studi di Napoli - Federico II
Facoltà: Ingegneria
Corso: Ingegneria biomedica
Relatore: FrancescoGagliardi
Coautore: Ing. Paolo Bifulco
Lingua: Italiano
Num. pagine: 130

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario, dalla commissione in sede d'esame, e - se pubblicata su Tesionline - anche dalla nostra redazione.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

correnti di dispersione
endoscopia
endoscopio
impianto elettrico locali ad uso medico
microshock
parti applicate
rischio elettrico

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani

Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi?
Quale sarà il docente più disponibile?
Quale l'argomento più interessante per me?
...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile


La tesi l'ho già scritta, ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri. Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi