Viaggio alla fine del mondo: il cinema di Steven Spielberg nel terzo millennio

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

13 cinematografica, avvicinandosi ai classici europei (Bergman, Fellini e, soprattutto, Truffaut), proiettati nelle numerose sale losangeline. Nel 1969 incontra Denis Hoffman, il quale finanzia la produzione del suo primo film girato in 35 mm., Amblin’ (26 minuti di durata e 15.000 dollari di budget). Il cortometraggio vince premi ai festival di Venice e Atlanta e colpisce l’attenzione di Sid Sheinberg, dirigente della Universal, che fa firmare all’appena ventiduenne regista un contratto di sette anni per la MCA-TV, la sezione televisiva della casa di produzione. Sebbene oggi sia disprezzato dall’autore, Amblin’ rappresentò indubbiamente il suo viatico verso il professionismo. Quando si parla della generazione dei Movie Brats, si intende, per consuetudine, “il gruppo di cineasti di estrazione colta, provenienti dai corsi di cinema istituiti nelle Università. Ovvero, secondo un’altra formulazione, la Film School Generation. Più comunemente, la Nuova Hollywood” 6 . Spielberg fu certamente uno dei “marmocchi del cinema” 7 , ma rispetto ai suoi colleghi Coppola, Lucas, De Palma e Scorsese, i quali frequentarono tutti prestigiose scuole di cinema 8 , rimase sostanzialmente un autodidatta. La vera scuola del regista furono gli Universal Studios. Leggiamo cosa scrive a questo proposito De Bernardinis: L’apprendistato televisivo alla Universal, l’unico studio che in qualche modo funzionava secondo i dettami della vecchia Hollywood classica, produsse un’esperienza diretta, sul campo, capace di mandare di pari passo la “personalità” del cineasta con il rispetto delle regole e “convenzioni”. Le smanie demiurgiche di Coppola, la cinefilia intransigente di Scorsese, la frenesia godardiana di De Palma e l’isolamento quasi imperiale di Lucas 5 Spielberg ha sempre manifestato una vera e propria venerazione per Welles, considerandolo secondo solo alla perfetta economia dello sguardo di Ford, modello assoluto di classicità. Di Quarto potere Spielberg possiede il famoso slittino Rosebud e la sceneggiatura originale. 6 DE BERNARDINIS F., I cinque dell’occhio selvaggio. Spielberg e gli altri Movie Brats (Lucas, Coppola, Scorsese, De Palma), in: ALBERIONE E. (a cura di), Incubi e meraviglie, op. cit., p. 87. Sulla questione dei Movie Brats si veda anche: MICHAEL PYE, LYNDA MILES, The Movie Brats: How the Film Generation Took Over Hollywood, Holt, Rinehart and Winston, New York 1979. 7 Ibidem. 8 Coppola frequentò la University of California at Los Angeles (UCLA), Lucas la University of Southern California (USC), Scorsese la New York University (NYU), De Palma la Columbia Univesrsity.

Anteprima della Tesi di Simone Locatelli

Anteprima della tesi: Viaggio alla fine del mondo: il cinema di Steven Spielberg nel terzo millennio, Pagina 9

Tesi di Laurea

Facoltà: Lettere

Autore: Simone Locatelli Contatta »

Composta da 259 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 4495 click dal 16/02/2007.

 

Consultata integralmente 5 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.