Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

L'Immagine dell'Italia nella poesia ungherese del primo Novecento

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

11 più con lo scopo morale e col ragionamento utilitaristico bensì con l’intensità sentimentale del poeta. L’insegnamento dell’Arcadia italiana e l’interesse degli scrittori ungheresi, quali Kazinczy e Csokonai, a tradurre l’opera poetica dell’italiano Metastasio 4 , costituiscono la scoperta di qualcosa di nuovo e importante dal punto di vista dell’evoluzione della letteratura, del rinnovamento di un gusto e di uno stile, di una maniera espressiva sentita, intuita e cercata da tutto il sentimentalismo ungherese. Durante la Rivoluzione Francese e l’epoca napoleonica, politicamente, i due Paesi si schierano su fronti opposti, con gli ungheresi al fianco degli Asburgo. 4 Pietro Trapassi, conosciuto come Pietro Metastasio, (Roma, 1968-Vienna, 1782). Appena undicenne inizia a comporre versi attirando l’attenzione di uno dei fondatori dell’Accademia dell’Arcadia, Gian Vincenzo Gravina che, dopo averlo adottato, ne grecizza il nome in Metastasio, lo educa al culto dei classici e gli fa conoscere la filosofia cartesiana, sperando di farne un grande autore tragico. Dopo la morte di Gravina (1718), si trasferisce a Napoli, dove entra in contatto con gli ambienti teatrali. Nel 1730 viene chiamato a Vienna come successore di Apostolo Zeno come poeta di corte, e li trascorre tutta la vita, ammirato e protetto da Carlo VI e poi da Maria Teresa. Con gli ideali aristocratici, l’ambientazione classica, i conflitti tra ragione e sentimento, i suoi melodrammi si adattano perfettamente alle esigenze dell’opera seria settecentesca: Alessandro in Siria (1731), Olimpiade (1733). Metastasio è convinto che l’opera moderna in musica riproduce la tragedia greca classica, perciò dà al proprio melodramma un solido impianto drammatico, basando l’azione sull’inconciliabilità tra amore e dovere e conferendo all’opera una connotazione seria: tragica, solenne e eroica. Quest’ultima è un pretesto per conferire una dimensione mitica all’amore. Cfr. Giuseppe Petronio, L’attività letteraria in Italia, Palumbo Editore, Firenze 1988, pp. 376-377.

Anteprima della Tesi di Luigia Guida

Anteprima della tesi: L'Immagine dell'Italia nella poesia ungherese del primo Novecento, Pagina 11

Tesi di Laurea

Facoltà: Lettere e Filosofia

Autore: Luigia Guida Contatta »

Composta da 117 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1020 click dal 19/02/2007.

 

Consultata integralmente 2 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.