Raccolta Epigrafica Comunale e Collezione Pascucci: i nuclei storici del Museo Civico Archeologico di San Severino Marche

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

12 cinquant’anni, finché papa Gregorio Magno, nel riordinare le varie diocesi, sottopone quella di San Severino al Vescovo di Camerino; tale dipendenza durerà fino al 1586. Non si hanno notizie precise circa la costruzione degli edifici sulla vetta del Monte Nero. Paciaroni 2 ritiene che il più antico documento che faccia riferimento al Castello di San Severino (“castello qui dicitur ad sanctum Severinum super flumen Potentie…”) sia un diploma del vescovo di Camerino Eudo, datato 944, al tempo dei re Ugo e Lotario. Da questo diploma si apprende che Eudo, diventato vescovo grazie all’intromissione dei suddetti sovrani, fa edificare proprio nel 944 una chiesa nel Castello di San Severino, in onore della Vergine e di tutti i santi e per l’eterna salute di se stesso, dei re suoi signori e dei loro sudditi suoi diocesani. Paciaroni crede che la costruzione di una nuova chiesa sul Monte Nero sia dettata dalla necessità di fronteggiare le aumentate esigenze della vita religiosa, visto che l’agglomerato sorto intorno al sepolcro di San Severino si è ingrandito fino a raggiungere le proporzioni di una grossa corte con ampie dipendenze (“castellum sancti Severini et eius curtem” dice un diploma del vescovo Lorenzo del 1119). Col declino dell’antica città romana, questo luogo naturalmente forte è diventato il centro di gravità della zona. La chiesetta fatta costruire da Eudo presto non basta più, e così nell’XI secolo il vescovo di Camerino Ugo ristruttura e amplia il castello e la chiesa; i lavori vengono terminati nel 1061, quando la chiesa viene promossa da pieve a parrocchia. A questo punto si prenda in considerazione un dattiloscritto, redatto da Luigi Lippi e conservato nella Biblioteca Comunale di San Severino, che riporta notizie a dir la verità un 2 Paciaroni 1991a, p. 143. Il documento in questione è ancora conservato nell’Archivio Capitolare di San Severino (Fondo chiese diverse, casella XXXV, n. 1).

Anteprima della Tesi di Lucia Carfagna

Anteprima della tesi: Raccolta Epigrafica Comunale e Collezione Pascucci: i nuclei storici del Museo Civico Archeologico di San Severino Marche, Pagina 7

Tesi di Laurea

Facoltà: Lettere e Filosofia

Autore: Lucia Carfagna Contatta »

Composta da 145 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 778 click dal 26/02/2007.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.