Skip to content

Il partenariato nel Fondo sociale europeo: i casi di Veneto ed Emilia-Romagna

Gratis La preview di questa tesi è scaricabile gratuitamente in formato PDF.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline. L'iscrizione non comporta alcun costo: effettua il Login o Registrati.

Mostra/Nascondi contenuto.
5 luogo, accade che lo Stato centrale non sia più in grado di esercitare quel ruolo di regolatore che svolgeva invece nel tradizionale modello industriale fordista, poiché le necessità delle imprese debbono essere soddisfatte a livello locale e ciò richiede soprattutto l'intervento delle istituzioni regionali e locali. Pur tuttavia questi territori, come detto, non si trovano in condizioni uniformi ma, al contrario, differiscono tra loro su tutta una serie di elementi fisici, economici e sociali che le imprese valutano con molta attenzione. Ovvero, queste ultime non seguono una one best way costituita dalla riduzione al minimo dei costi di produzione che porterebbe evidentemente al fallimento di tutti i sistemi produttivi europei a vantaggio di quelli asiatici. Tale elemento dei costi, per quanto indubbiamente rilevante, interagisce con tutti gli altri elementi citati in precedenza, e cioè infrastrutture, conoscenze diffuse nel territorio, efficienza delle amministrazioni pubbliche, qualità della vita, nella definizione delle strategie produttive di un'impresa. Dal canto loro, l'arduo compito cui si trovano di fronte le istituzioni regionali e locali è quello di offrire alle proprie imprese e a quelle provenienti dall'estero un sistema locale conveniente per la loro attività produttiva. Questa importanza che si trovano ad avere le istituzioni regionali e locali ci porta a considerare il secondo motivo fondamentale, questa volta di ordine politico, che rende utile ed interessante il confronto tra Veneto ed Emilia-Romagna. Queste due regioni si caratterizzano infatti per la presenza di due subculture politiche territoriali differenti ed opposte, di matrice cattolica nel caso del Veneto e di matrice socialista-comunista nel caso dell'Emilia-Romagna [Messina, 2001]. Vedremo nel quarto capitolo che cosa si intende di preciso per subcultura politica territoriale, mentre per ora è sufficiente sottolineare che nel caso delle due regioni oggetto del confronto le subculture politiche territoriali di riferimento possono dirsi a tutti gli effetti storiche, poiché già esistenti prima dell'avvento del fascismo. Dopo la caduta del regime fascista, tali subculture politiche si espressero per mezzo secolo nell'appoggio ai partiti Pci (Emilia-Romagna) e Dc (Veneto), e sono poi sopravvissute al crollo del sistema partitico della cosiddetta Prima Repubblica. Ora, queste subculture politiche territoriali manifestano stili amministrativi regionali e locali notevolmente differenti, il che fa ritenere, come sottolineato da Tarrow [1996, citato in Messina, 2001] ed in contrapposizione con quanto sostenuto da Putnam [1993], che non sia il capitale sociale (che si trova ad un livello elevato sia in Veneto che in Emilia-Romagna) a determinare il rendimento istituzionale di una regione, ma che si verifichi invece un processo più complesso e per certi versi opposto. Ovvero, dove si governa è senza dubbio importante nel determinare l'efficace funzionamento delle istituzioni regionali, ma anche chi governa e con quali stili amministrativi ciò è fatto sono variabili fondamentali. Ciò che viene messo in discussione è l'approccio culturalista di Putnam centrato sull'importanza delle variabili culturali nella determinazione del rendimento istituzionale, considerando che è invece il miglior rendimento delle istituzioni democratiche, a sua volta dipendente dallo stile amministrativo adottato, a generare una più forte cultura civica [Messina, 2001]. Putnam riteneva infatti, che il
Anteprima della tesi: Il partenariato nel Fondo sociale europeo: i casi di Veneto ed Emilia-Romagna, Pagina 2

Preview dalla tesi:

Il partenariato nel Fondo sociale europeo: i casi di Veneto ed Emilia-Romagna

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Andrea Signoretti
  Tipo: Tesi di Laurea
  Anno: 2000-01
  Università: Università degli Studi di Trento
  Facoltà: Sociologia
  Corso: Sociologia
  Relatore: Marco Brunazzo
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 185

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

cattolico
emilia-romagna
federalismo
fondi strutturali
fondo sociale europeo
gli enti locali
governance
le regioni italiane
partenariato
politica di coesione
politiche comunitarie
politiche regionali
ricerca comparata
ricerca politologica
ricerca sociologica
socialista-comunista
subcultura politica
tesi di ricerca
unione europea
veneto

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi