Skip to content

Comunicazione – Colloquio terapeutico (Gli estremi di un percorso narrativo)

Gratis La preview di questa tesi è scaricabile gratuitamente in formato PDF.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline. L'iscrizione non comporta alcun costo: effettua il Login o Registrati.

Mostra/Nascondi contenuto.
Cap. 1 – La psicologia della comunicazione Non ne possiamo farne a meno, coscientemente o no, comunichiamo con gli altri interagendo. Viviamo attraverso il nostro comportamento e ci esprimiamo attraverso il rapporto con gli altri: siamo talmente in interazione che una qualsiasi modificazione di ciascuno di noi comporta una modificazione di tutti gli altri. Le nostre azioni, le nostre reazioni, le attitudini e quindi i nostri comportamenti sviluppano delle relazioni e così comunichiamo in mille modi e maniere: parlando, stando in silenzio, indicando, sgranando gli occhi, portandoci le mani sul viso o chinando la testa. Uno stesso messaggio o una stessa "reazione" possono assumere significati diversi se espressi in un certo ambiente o in un altro, in un contesto socio-culturale piuttosto che in un altro. Inoltre, si provi a pensare come cambiano visibilmente i comportamenti "individuali" quando si è in un gruppo: a volte la folla si scatena con una violenza tale che esula dalla somma delle "aggressività" individuali... ma quanto si è consapevoli di questi processi? Personalmente mi sono trovato a riflettere più volte sull’importanza della conoscenza e consapevolezza del processo comunicativo. Lavorando nella formazione manageriale ho spiegato a ripetizione, in diversi contesti lavorativi, i vantaggi professionali che possono derivare da questa consapevolezza. Ma mi sono anche sempre chiesto quanto vicino fosse il confine della manipolazione degli altri; quanto padroneggiare le leve del meccanismo comunicazionale fosse anche pilotare una discussione, un’interazione, una relazione. Io stesso nel presentare i concetti di base dell’oggetto “comunicazione” mi sentivo manipolatore, percepivo la competenza di quello che insegnavo e dimostravo ai partecipanti come applicare i principi e lo facevo su di loro, come se fossero bambini ingenui. Il contesto formativo mi permetteva di farlo, ma proprio per questo ho compreso la delicatezza di questa “competenza”, il sottile filo che ci lega ai nostri destinatari 4 che a poco a poco, e quasi inconsapevolmente, diventano interlocutori esperti di comunicazione e reclamano un processo di scambio più trasparente e leale. Un processo manipolatorio e manipolabile al tempo stesso, di cui si può essere vittime e carnefici, ma proprio per questo diventa anche uno spazio di aiuto reciproco formidabile, il vero terreno di scambio e comprensione. Ma per comprendere come questo può avvenire dobbiamo avventurarci nell’esplorazione delle basi teoriche di riferimento prima di poter elaborare un pensiero terapeutico sugli aspetti determinanti del processo comunicativo. Mi preme cominciare dagli autori che nel mio lavoro di formatore ho sempre preso a riferimento, i teorici della Scuola di Palo Alto. Il gruppo, guidato da Don Jackson e sotto la guida di Gregory Bateson era stato ingaggiato per degli studi sulla schizzofrenia, ma sviluppò anche delle interessanti teorie sulla comunicazione che ora vengono universalmente riconosciute come i capisaldi di questa disciplina. In particolare Jackson, Watzlawick e Janet Bavelas scrissero "Pragmatica della comunicazione umana" nel 1967, in cui delinearono i percorsi della comunicazione. 4 Denominazione derivante dalla teoria dell’informazione di Claude Shannon (1949) e Warren Weaver (1958), secondo la quale un segnale (messaggio) passa da un emittente (mittente), attraverso un trasmettitore, a un destinatario (ricevente), attraverso un recettore, lungo un canale fisico (supporto materiale).
Anteprima della tesi: Comunicazione – Colloquio terapeutico (Gli estremi di un percorso narrativo), Pagina 3

Preview dalla tesi:

Comunicazione – Colloquio terapeutico (Gli estremi di un percorso narrativo)

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Marco Vitiello
  Tipo: Tesi di Specializzazione/Perfezionamento
Specializzazione in Psicoterapia di Gruppo
Anno: 2006
Docente/Relatore: Perna Colamonico
Istituito da: ITER - Istituto Terapeutico Romano
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 28

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi