Skip to content

Le traduzioni italiane di Le Dindon di Georges Feydeau

Gratis La preview di questa tesi è scaricabile gratuitamente in formato PDF.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline. L'iscrizione non comporta alcun costo: effettua il Login o Registrati.

Mostra/Nascondi contenuto.
5 Dindon, pièce nella quale Feydeau riscopre le qualità di Un fil à la patte e le esalta portandole a un livello di quasi perfezione. La storia del dongiovanni accanito che insegue la sua “preda” fino dentro casa per poi scoprire che si tratta della moglie di un suo caro amico è realistica e ha un risvolto tragicomico nel momento in cui il personaggio si intestardisce nel voler conquistare a ogni costo quella donna e coinvolge tutti nelle sue peripezie, fino a restare vittima del piano che lui stesso ha orchestrato. Questa volta l‟autore approfondisce ulteriormente il tema del matrimonio e della fedeltà coniugale, come viene concepita dalla donna e dall‟uomo e anche come viene vista nella vecchiaia, senza per questo tralasciare la satira sociale che ormai è parte integrante del suo teatro. L‟opera più celebre di Feydeau resta comunque La Dame de Chez Maxim (1899) in cui l‟autore riesce a mettere in scena un meccanismo praticamente perfetto dove tutto, persino i quiproquo, trova una sua spiegazione e giustificazione e dove non mancano le invenzioni geniali come la “poltrona estatica” che sarà all‟origine di una richiesta di risarcimento danni da parte del professor Moutier, realmente esistente, citato da Feydeau nella commedia come suo ipotetico inventore. La Dame de Chez Maxim diventerà il simbolo della vita parigina di inizio secolo e il personaggio della Môme Crevette, la cocotte di buon cuore, farà storia. Negli anni successivi la produzione teatrale dell‟autore vedrà alternarsi commedie in tre o quattro atti come La main passe (1904), La puce à l’oreille (1907), Occupe-toi d’Amélie (1908) e atti unici come Feu la mère de Madame (1908), On purge Bébé (1910), Léonie est en avance (1911), Mais ne te promène donc pas toute nue (1912), Hortense a dit “Je m’en fous” (1916). Questi ultimi si ispireranno alla sua vita coniugale e avranno per protagonisti mogli autoritarie e mariti ridotti a vittime. Nel 1918, colpito da una grave malattia venerea molto difficile da curare all‟epoca, Georges Feydeau verrà ricoverato in una casa di riposo di Rueil-Malmaison dove morirà nel 1921. Individuo profondamente malinconico e riservato, incline ad ascoltare piuttosto che parlare, Feydeau era apprezzato dai suoi amici, tra i quali Guitry, Rostand e Peter, soprattutto per la sua abilità nel descrivere alla perfezione le persone attraverso boutades diventate celebri. Regista instancabile e di una pignoleria quasi maniacale, ha sempre sofferto per il fatto di non essere considerato un autore serio, consapevole che né l‟Académie Française né la Comédie- Française l‟avrebbero mai accolto all‟epoca. Trascorreva le serate da chez Maxim’s, dove aveva un tavolo riservato a vita, e rientrava a casa solo verso le quattro del mattino dopo lunghe passeggiate solitarie che gli permettevano anche di osservare la vita notturna della città. Appassionato d‟arte, collezionerà le opere dei più grandi maestri: Cézanne, Monet,
Anteprima della tesi: Le traduzioni italiane di Le Dindon di Georges Feydeau, Pagina 5

Preview dalla tesi:

Le traduzioni italiane di Le Dindon di Georges Feydeau

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Annamaria Martinolli
  Tipo: Laurea liv.II (specialistica)
  Anno: 2006-07
  Università: Università degli Studi di Trieste
  Facoltà: Scuola sup. di Lingue Moderne per Interpreti e Traduttori
  Corso: Traduzione letteraria e traduzione tecnico-scientifica
  Relatore: Manuela Raccanello
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 89

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

cocotte
comedié-française
commedia degli equivoci
commedia teatrale
copioni teatrali
eduardo scarpetta
ernest feydeau
feydeau commedie
feydeau copioni
feydeau le dindon
feydeau teatro
feydeau traduzioni
french farces
georges feydeau
il tacchino commedia
letteratura francese
pièces teatrali francesi
teatro belle époque
teatro francese
theatre translation
traducibilità testo teatrale
traduzione francese-italiano
traduzione teatrale
vaudeville

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi