Skip to content

"The Monk". Il "Gothic romance" di Matthew G. Lewis

Gratis La preview di questa tesi è scaricabile gratuitamente in formato PDF.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline. L'iscrizione non comporta alcun costo: effettua il Login o Registrati.

Mostra/Nascondi contenuto.
dominare è lo spazio della casa. Se ci se ne allontana è per tornarci dopo aver compiuto quel vero e proprio rito di iniziazione che è il viaggio, insieme geografico e interiore, per scoprire il mondo e "costruire" se stessi. Nasce così il Bildungsroman, eredità del romanzo picaresco e del Grand Tour nobiliare: esso mette al centro della narrazione la gioventù, concreto sensibile del dinamismo e dell'irrequietezza della nuova epoca, della mancanza di forma codificata dello stesso genere letterario che la descrive. Nel complesso la tonalità del racconto non è epica, né tragica, pur mantenendo gli echi di entrambe, come del proprio passato. Ora, se è questo l'orizzonte storico-letterario del tempo, come si inserisce il romanzo gotico, e da dove deriva i suoi temi, i suoi spazi, i suoi modi, lo stesso suo nome? Perchè è proprio nel nome, gothic romance, che si annida e si svela la sua origine e originalità. Il Gothic Romance La parola Gothic, ed il significato del suo uso come aggettivo, ha una storia complessa che si intreccia con molteplici tendenze estetiche, non solo letterarie, che corrono parallele a quella del novel e a quelle, filosoficamente allora dominanti, dell'illuminismo razionalista ed "ordinatore" del reale. La parola Gothic in Inghilterra fa la sua prima documentata comparsa nel 17° secolo e nell'ambito di discussioni storico-politiche. Nel 1648 Nicholas Bacon scrive: "Nor can any nation upon earth shew so much of the ancient Gothique law as this Island hath"; nel 1672 William Temple sostiene "The Saxons were one branch of those Gothic Nations" e "the ancient Western Goths, our Ancestors". Nel 1694 Robert Molesworth argomenta che "The Ancient Form of Goverment here was the same which the Goths and Vandals establisched in most if not all Parts of Europe whither they carried their conquests, and is which in England retaind to this day for the most part". Secondo Jonathan Swift i parlamenti sono stati fondati in Inghilterra "by the Saxon princes who first introduced them into this island from the same original with the other Gothic forms of government in most parts of Europe". John Oldmixon nel 1724 scrive: "No Nation has preserv'd their Gothic Constitution better than the English" 1 . Con più precisione storica la parola Gothic indica solo una delle tribù di "barbari" del nord che nel 376 attraversarono il Danubio e cominciarono ad invadere l'Europa occidentale. Tuttavia gli scrittori del 17° e degli inizi del 18° secolo che usavano il termine in questo senso avevano idee molto vaghe su chi fossero i goti: si sapeva che venivano dall'Europa del nord, forse dalla Scandinavia (come argomentava Jordanes), ma in generale il termine era praticamente un sinonimo di "germanico". La tradizione più accreditata sulla questione risaliva alla Anglo-Saxon Chronicle (449) e alla Historia Ecclesiastica Gentis Anglorum (8° secolo) di Bede che identificava Angles, Saxons e Jutes (inglese arcaico e dialettale per Goths) come le prime tre tribù germaniche che colonizzarono l'Inghilterra. "What is certain is that, as the seventeenth century read Bede, the Jutes were given a predominance in the invasion and the subsequent political history of England in such a way as to establish the term "Gothic" to denote the origins of the English people and their culture" 2 . Nel corso del 18° secolo si ebbe uno spostamento del valore del termine dal suo significato geografico a quello storico-culturale: Gothic servì ad indicare tutto ciò che aveva a che fare con la "barbarie" post-romana nonchè con il mondo medievale e allora, se ne dedusse, poteva anche servire ad indicare tutto ciò che non rientrava nel 1 Tutte le citazioni riguardo al dibattito storico-politico sulla parola gothic sono tratte da S. Kliger, On Goths in England; in V.Sage, The Gothick Novel, pp.115-116. 2 S. Kliger, op. cit., pp.118. 4
Anteprima della tesi: "The Monk". Il "Gothic romance" di Matthew G. Lewis, Pagina 2

Preview dalla tesi:

"The Monk". Il "Gothic romance" di Matthew G. Lewis

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Davide Magnisi
  Tipo: Tesi di Laurea
  Anno: 1998-99
  Università: Università degli Studi di Bari
  Facoltà: Lettere
  Corso: Lettere moderne
  Relatore: Vito Amoruso
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 163

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

il monaco
romanzo erotico settecentesco
romanzo gotico
romanzo nero
romanzo settecentesco
sade
the monk

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi