Skip to content

Feminine pedophilia

Gratis La preview di questa tesi è scaricabile gratuitamente in formato PDF.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline. L'iscrizione non comporta alcun costo: effettua il Login o Registrati.

Mostra/Nascondi contenuto.
At the beginning of the VI century a.c., the legislator Solone, which was a pederast himself, imposed death penalty to be applied to anyone discovered with children under the pubescent age. Plutarco, however, affirms that, notwithstanding the rules, sexual abuses on children under 12 by pedagogues and teachers shall regularly take place 3 . The pederast practice involved many masters of that period, among which Socrate and Platone, which identified the Eros as the philosophic assumption of the teaching; Eros was intended as desire, pleasure and love at the same time “the loved one will give himself because he desires education and knowledge of every kind” 4 . The pederast/pedophiliac relationship was characterized by rights and duties: the erastes, i.e. the lover, had the right to enjoy of a rapid pleasure and the duty to protect, sometimes even economically, the young boy: the eromenion, the loved one, had a passive role and should not enjoy directly of the sexual pleasure but was to enjoy the pleasure given to the other 5 ; the loved one existed therefore only in function of the lover, without a psychology on his own but only as an object and means of pleasure. Saffo, a Greek poetess of the VI century a.c., was the leader of a community of young girls and was the mistress of the intellect and of the body; her school was in fact open to the charm of beauty and sex and her girls loved one another in a passionate and intense way. In Sparta, Lesbo and Milinate adult women used to have adolescent females as lovers, and it was common to couple with the girls before marriage as well as adult male used to couple with adolescent males. 6 1.2. Pedophilia in ancient Rome In ancient Rome the Greek idealization of pedophilia/pederasty faded, sex was no longer made with free young boys of high classes, but with young slaves, assuming most of the times the forms of sodomy. Plutarco tells that the Romans used to put a gold bulla round the neck of their sons, in order to avoid they be mistaken for slaves since they played naked, so protecting them by possible attempts of seduction. 7 The young Roman was trained to be a conqueror from his earliest years, was trained to impose his will, to subjugate all and everybody, and this rule of life reflected even on the sexual ethic: “never with free boys”, Cicerone wrote, since in adulthood they should learn to impose and not to undergo other’s desires. The Lex Scatinia punished with pecuniary sanctions the stuprum cum puero, obviously if the boy was free. The Greek inheritance of love for young boys was therefore 3 Cantarella E. 1995 “Secondo natura". La bisessualità nel mondo antico” Rizzoli, Milano 4 Platone, 1979, “Simposio” Adelphi; Milano 5 Picozzi M. Maggi M. 2003 “pedofilia non chiamatelo amore” Guerini e Associati, Milano 6 Cantarella E. 1995 “Secondo natura. La bisessualità nel mondo antico”, Rizzoli, Milano. 7 Focault M. 1984 “L’uso dei piaceri. Storia della sessualità 2” trad. Feltrinelli, Milano 10
Anteprima della tesi: Feminine pedophilia, Pagina 5

Preview dalla tesi:

Feminine pedophilia

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

Traduttore: Laura Negrini
  Tipo: Traduzione
  Anno: 2003-04
  Università: Università degli Studi di Roma La Sapienza
  Facoltà: Psicologia
  Corso: Psicologia
  Relatore: Walter Nicoletti
  Lingua: Inglese
  Num. pagine: 117

Questo documento è una traduzione dall'originale:

"La pedofilia femminile"

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

danish pedophile association
extrafamiliar abuser
feminine pedophilia
feminine pedophilia and handicap
feminine pedophilia and satanic sects
incest
informative questionnaire
intra familiar abuser
minor prostitution
on line pedophilia
pedo pornography
pedophile authors
pedophilia in a pedophile's point of view
pedophilia legislation
personality of female abuser
post-traumatic stress disorder
prevention
seductive strategies
sexual learning
slurp pedophile association
the woman in myths and tales
theory of abused abuser
treatment of female abuser
victim

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi