Skip to content

Lingua e identità. Il caso altoatesino.

Gratis La preview di questa tesi è scaricabile gratuitamente in formato PDF.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline. L'iscrizione non comporta alcun costo: effettua il Login o Registrati.

Mostra/Nascondi contenuto.
Introduzione L’Alto Adige è l’unica area italiana ufficialmente trilingue. Nella Provincia autonoma di Bolzano, infatti, convivono tre gruppi linguistici: tedesco, italiano e ladino. Dati numerici precisi possono essere attinti dal censimento della popolazione del 2001, occasione in cui circa 15.400 cittadini (su una popolazione di circa 460.635 abitanti) per vari motivi non hanno reso una dichiarazione di appartenenza o di aggregazione, o non hanno avuto modo di farlo. Secondo quest’ultimo censimento in Alto Adige 296.461 cittadini, ovvero il 69,15% della popolazione, sono di lingua tedesca, 113.494 persone, ovvero il 26,47%, sono di lingua italiana e 18.736 persone, equivalenti al 4,37%, appartengono al gruppo linguistico ladino. Il confronto di questi dati con quelli del censimento precedente (1991) mette in evidenza una lieve diminuzione del gruppo linguistico italiano ed un aumento di quello tedesco 1 . Il regresso del gruppo linguistico italiano avviene soprattutto in periferia, dove la popolazione diminuisce in modo lieve ma costante. I motivi sono di varia natura e dipendono principalmente dalla mutata struttura occupazionale (applicazione della legge proporzionale nei pubblici impieghi, diminuzione dei reparti militari…). I tre gruppi linguistici sono distribuiti sul territorio in modo assai differenziato. I ladini costituiscono il gruppo linguistico dalle origini più antiche e, al tempo stesso, quello di minore entità. Fino ad oggi la lingua e la cultura ladina sono sopravvissute nelle due valli dolomitiche, la Val Gardena e la Val Badia. Negli otto comuni di queste due vallate in media il 90% della popolazione si è dichiarato appartenente al gruppo linguistico ladino. I ladini costituiscono la minoranza più minacciata in Alto Adige, pertanto hanno l’esigenza e il diritto di godere di particolari misure di tutela. Il gruppo linguistico tedesco è distribuito in modo capillare su tutto il territorio altoatesino, anche nelle zone montane più remote ed isolate: questa distribuzione è il risultato di una secolare colonizzazione del territorio. Il gruppo tedescofono è in maggioranza in 103 comuni su 118, in 80 dei quali con una percentuale superiore al 90% e nei restanti 23 con l’80%, esclusi Merano (51,50%), Ora (69,91%), Bressanone (73,1%) e Vipiteno (75,28%). La distribuzione del gruppo linguistico italiano è sostanzialmente il risultato della politica di colonizzazione fascista dell’Alto Adige (Egger 1978, cit. in Baur 2000, p.58). Gli italiani si concentrano soprattutto nelle grandi città e nelle maggiori località della regione. Il gruppo italofono raggiunge la maggioranza solo in cinque comuni: a Bolzano con il 73%, a Laives con il 70,42%, a Salorno con il 62,19%, a Bronzolo con il 59,85% e a 1 Censimento del 1991: gruppo linguistico tedesco 67,99%; gruppo linguistico italiano 27,65%: gruppo linguistico ladino 4,36%. 2
Anteprima della tesi: Lingua e identità. Il caso altoatesino., Pagina 1

Preview dalla tesi:

Lingua e identità. Il caso altoatesino.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Cristina Caiti
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2005-06
  Università: Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia
  Facoltà: Lettere e Filosofia
  Corso: Lingue e culture moderne
  Relatore: Augusto Carli
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 101

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

altoatesini
appartenenza altoatesina
diritti altoatesini
gruppo linguistico
identità
italiano
ladino
lingia tedesca
lingua
lingua altoatesina
lingua ladina
memoria
monolinguistici
tedesco
tutela lingue

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi