Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Il riordino dei Servizi Cartografici Nazionali. Situazione, tecnologie, prospettive ed opportunità.

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

Tesi di Laurea : “ Il riordino dei Servizi Cartografici Nazionali. Situazione, Tecnologie, Prospettive ed Opportunità ” Dimitri Dello Buono - Matr. 259389 Venezia 10 Ottobre 2007 Pagina 4 di 85 A fronte di questo quadro l’evoluzione tecnologica contribuisce a modificare i contenuti di merito del problema anche in relazione ad alcune criticità istituzionali, in quanto la logica della condivisione e della cooperazione applicativa stempera il problema di chi “possiede” i dati, anche perché la logica del possesso diventa un pezzo di un passato prossimo ma definitivamente superato. In attesa di un riordino istituzionale, diviene possibile un riordino nel modo di operare, in cui già possono prefigurarsi best practice che prefigurano il futuro. Oggetto della tesi è quindi la discussione del riordino nel contesto nazionale ed internazionale con l’obiettivo di evidenziare le novità che lo sviluppo tecnologico ha introdotto, presentandone anche alcuni contenuti di merito. Prof. Vincenzo Cuomo Direttore CNR IMAA Consiglio Nazionale delle Ricerche Istituto di Metodologie per l’Analisi Ambientale

Anteprima della Tesi di Dimitri Dello Buono

Anteprima della tesi: Il riordino dei Servizi Cartografici Nazionali. Situazione, tecnologie, prospettive ed opportunità., Pagina 2

Laurea liv.I

Facoltà: Architettura

Autore: Dimitri Dello Buono Contatta »

Composta da 84 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 769 click dal 22/09/2008.

 

Consultata integralmente una volta.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.