Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Il riordino dei Servizi Cartografici Nazionali. Situazione, tecnologie, prospettive ed opportunità.

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

Tesi di Laurea : “ Il riordino dei Servizi Cartografici Nazionali. Situazione, Tecnologie, Prospettive ed Opportunità ” Dimitri Dello Buono - Matr. 259389 Venezia 10 Ottobre 2007 Pagina 10 di 85 arriveranno al 70% del totale entro il 2010. Notevole poi l'inflazione degli archivi generati dalle aziende a seguito di un crescente utilizzo di sistemi di videosorveglianza e ritenzione dei dati. Troppi dati, tanti da non sapere, in un domani non molto remoto, letteralmente dove metterli: nel 2006 la disponibilità di spazio è ammontata a 185 exabyte, e secondo le attuali stime di crescita sarà di 601 exabyte nel 2010. Peccato che, per lo stesso periodo, l'exaflood sarà balzato da 161 exabyte a 988 exabyte, misura molto vicina al fantascientifico zettabyte. A parziale mitigazione di questa preoccupante prospettiva, il mercato dello storage va verso una progressiva ma costante riduzione del costo per gigabyte, senza considerare che non tutti i dati digitali generati vengono immagazzinati e archiviati. Basti pensare alle e-mail cancellate, o alle chiamate su VoIP di cui non si conserva traccia. In questo caso, i ricercatori di IDC non mettono in conto eventuali progetti di sorveglianza globale che mantengano archivi immani di traffico digitale per ricerche future. Sia come sia, la ricerca mette in luce la necessità di affidarsi, per gli anni a venire, a strumenti per la protezione, la ricerca e il recupero di informazioni sempre migliori per non perdere pezzi sostanziali dell'I/O digitale all'interno di questo evanescente ma pesantissimo universo di dati. Differenza tra Dati ed Informazione Esiste una sottile ma sostanziale differenza tra Dato e Informazione. Dato : Una rappresentazione di fatti (dal latino “datum” che significa letteralmente “fatto”), concetti o istruzioni in un modo formale che sia adatto alla comunicazione, interpretazione o elaborazione da parte dell'uomo o di strumenti automatici. Informazione : E’ una qualsiasi aggregazione di dati di cui sia noto, oltre al valore, anche il significato. Il concetto di dato va quindi distinto da quello di informazione: un dato costituisce informazione per qualcuno se comporta un reale aumento di conoscenze. Le definizioni di Dato e di Informazione sono molteplici e spesso una errata definizione lascia confusione tra ciò che viene considerato Dato e ciò che invece è Informazione. L’Informazione è una particolare elaborazione, o meglio il risultato di una analisi, di uno o più dati che offre notizie, oggettive o interpretate, su aggregazioni o stati dei dati. Costi sempre minori La ricerca e la protezione dei dati Dato e Informazione I risultati delle elaborazioni

Anteprima della Tesi di Dimitri Dello Buono

Anteprima della tesi: Il riordino dei Servizi Cartografici Nazionali. Situazione, tecnologie, prospettive ed opportunità., Pagina 8

Laurea liv.I

Facoltà: Architettura

Autore: Dimitri Dello Buono Contatta »

Composta da 84 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 769 click dal 22/09/2008.

 

Consultata integralmente una volta.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.