Skip to content

Le campagne elettorali italiane del 1994 e del 1996. Un’analisi comparata.

Gratis La preview di questa tesi è scaricabile gratuitamente in formato PDF.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline. L'iscrizione non comporta alcun costo: effettua il Login o Registrati.

Mostra/Nascondi contenuto.
2 Il ruolo dei media nella politica Sin dalla loro comparsa, ai media sono sempre state affidate importanti funzioni pubbliche 4 e la tradizione democratica li ha sempre considerati necessari allo sviluppo della società, soprattutto nei suoi aspetti politici e culturali. Sono diverse le teorie che hanno spiegato i rapporti tra mezzi di comunicazione di massa e sistema politico. Secondo la teoria libertaria il nuovo ordine sociale poteva nascere solo a patto che venissero meno i vincoli artificiali imposti dalle autorità tradizionali, come la censura. E furono proprio i giornali del Nuovo Mondo che più sostennero questa posizione e gli ideali della libertà di espressione e di stampa, finché col Bill of Rights e il Primo Emendamento della Costituzione americana del 1789 essi vennero sanciti per legge quale base della futura democrazia. Per la teoria del mercato delle idee, invece, le idee sono beni che, in quanto tali, devono essere scambiati in un libero mercato e sviluppare la concorrenza per migliorare i prodotti 5 . A cavallo tra Ottocento e Novecento si sviluppa il giornalismo impegnato che lotta contro i monopoli e la corruzione politica. Questa missione civica era particolarmente sentita nel giornalismo americano e vi ha lasciato profonde impronte 6 ; inoltre essa fu importante per una nuova interpretazione delle funzioni dei media. Secondo la teoria della responsabilità sociale, infatti, la stampa responsabile deve dare un resoconto fedele, esauriente e intelligente dei fatti quotidiani che li renda comprensibili, deve essere in grado di rappresentare la complessità sociale e di costituire un luogo privilegiato di confronto delle opinioni e delle critiche. Secondo il dibattito scientifico internazionale le funzioni dei mass media in rapporto al sistema politico sono molteplici: essi servono a raccogliere e mostrare informazioni oggettive, quindi a trattare in modo imparziale la politica; spiegano in maniera comprensibile ai cittadini non esperti i fatti politici (advocacy journalism); fanno da portavoce dei diritti e delle richieste dei cittadini alle istituzioni e ne controllano e giudicano l’operato (giornalismo watchdog); mobilitano l’opinione pubblica in merito a questioni politiche e di interesse generale; intervengono attivamente nel dibattito politico; svolgono funzione di agenda-setting; fanno profitti. 4 Ricordiamo le parole di John Reith, primo direttore della BBC, secondo il quale essa aveva la precisa missione di “istruire, informare, intrattenere”. Cfr. MENDUNI, E., La televisione, Bologna, Il Mulino, 1998, p. 26. 5 Questa teoria, però, fu sostenuta soprattutto dal giornalismo giallo che poi è degenerato in quello scandalistico e ha perso credibilità. Cfr. MAZZOLENI, La comunicazione politica, cit., p. 71. 6 Alla fine il giornalismo muckraking, che combatte gli scandali politici e le concentrazioni di potere, viene messo a tacere dallo stesso movimento progressista di cui era espressione e dalle regole del nuovo giornalismo obiettivo, privo di opinioni personali. L’attenzione passa ai fatti di cui, solitamente, non si indagano i motivi. A partire dagli anni Sessanta, però, lo stile cambia ancora, a favore del giornalismo interpretativo che è il modello dominante della copertura dell’informazione politica americana. Si basa essenzialmente su uno stile più energico e su una storia, il che dà, al giornalista, maggiori poteri e un maggiore controllo sul messaggio. Questo tipo di giornalismo si è fatto sempre più aggressivo e mette costantemente in dubbio le capacità e le azioni dei politici statunitensi, li accusa di ipocrisia e negligenza spesso a priori, in contraddizione con la realtà dei fatti. La maggior parte della copertura politica, e in particolare elettorale, è negativa. Cfr. PATTERSON, T. E., La logica dei media: la critica come tema della copertura giornalistica, in BENTIVEGNA, S. (a cura di), Comunicare politica nel sistema dei media, Genova, Costa&Nolan, 1996.
Anteprima della tesi: Le campagne elettorali italiane del 1994 e del 1996. Un’analisi comparata., Pagina 4

Preview dalla tesi:

Le campagne elettorali italiane del 1994 e del 1996. Un’analisi comparata.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Mara Bevilacqua
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2005-06
  Università: Università degli Studi Roma Tre
  Facoltà: Lettere e Filosofia
  Corso: Scienze della comunicazione
  Relatore: Pietro Grilli Da Cortona
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 47

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

berlusconi
campagne elettorali italiane1994 1996
comunicazione elettorale
comunicazione politica
infotainment
interdipendenza media politica
mediatizzazione politica
scelte di voto
sondaggi politici

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi