Il ruolo del tecnico di neurofisiopatologia e la sua interazione con il paziente in un laboratorio di esplorazione funzionale del Sistema Nervoso Autonomo.

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

7 difficoltà digestive, pesantezza e gonfiore allo stomaco, nausea, stitichezza, diarrea e incontinenza fecale. Tutti processi patologici del Sistema Nervoso Centrale (su base ereditaria, meccanica, ischemica, biochimica o tossica, autoimmune, neoplastica o degenerativa) possono provocare una sindrome autonomica 10 . Per comprendere meglio come il sistema nervoso autonomo resti così coinvolto in quasi tutte le patologie, descriviamo gli aspetti principali della sua struttura e funzione che lo rendono così importante. Il concetto di omeostasi Il sistema autonomo è il sistema che si occupa del mantenimento dell’omeostasi del corpo. Ciò viene realizzato, solo per fare alcuni esempi, tramite la regolazione della pressione sanguigna, della frequenza cardiaca, dell’equilibrio elettrolitico, della temperatura corporea, del diametro pupillare, dell’attività respiratoria, della motilità dell’apparato digerente 9 . Il concetto di omeostasi fu introdotto per la prima volta da Cannon nel 1932 per definire quel complesso di meccanismi fisiologici che assicurano il mantenimento della stabilità dell’ambiente interno dell’organismo. Cannon individuò il meccanismo omeostatico fondamentale come la regolazione a feed- back negativo, per molti versi sotto attento controllo dell’ipotalamo 15.

Anteprima della Tesi di Artan Cepele

Anteprima della tesi: Il ruolo del tecnico di neurofisiopatologia e la sua interazione con il paziente in un laboratorio di esplorazione funzionale del Sistema Nervoso Autonomo., Pagina 6

Laurea liv.I

Facoltà: Medicina e Chirurgia

Autore: Artan Cepele Contatta »

Composta da 88 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 910 click dal 04/03/2011.

 

Consultata integralmente una volta.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.