Giustizia costituzionale nel diritto comparato

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

3 insieme la legge fondamentale del Regno e l'incarnazione della ragione: essa racchiudeva in sé tutto ciò che, molti anni dopo, i giuristi americani fecero rientrare nella loro idea di constitution. Ben presto la dottrina di Coke venne abbandonata in quanto il duplice conflitto tra il Parlamento e il Sovrano, e tra il potere giudiziario e il Parlamento, si risolse con la piena vittoria di quest'ultimo. In Nord America, invece, i giuristi della Rivoluzione si richiamavano espressamente al pensiero del Coke per supportare con argomenti legali le rivendicazioni indipendentiste delle colonie nei confronti della madrepatria. Successivamente, molte sentenze coloniali si espressero in ordine alla costituzionalità di atti normativi, dando luogo ad una cospicua giurisprudenza. Le costituzioni delle tredici colonie, divenute Stati indipendenti disciplinavano istituti simili alle moderne corti costituzionali: talché nel corso della assemblea costituente di Filadelfia sia i sostenitori Carta federale, sia quanti ne osteggiavano l'approvazione, parlavano apertamente di judicial review of legislation. La secolare esperienza nordamericana non sembra aver lasciato tracce nell’elaborazione e poi nell’attuazione del secondo grande prototipo di giustizia costituzionale, la cui teorizzazione è merito di Hans Kelsen,

Anteprima della Tesi di Roberto Coppola

Anteprima della tesi: Giustizia costituzionale nel diritto comparato, Pagina 3

Tesi di Laurea

Facoltà: Giurisprudenza

Autore: Roberto Coppola Contatta »

Composta da 294 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 7786 click dal 03/10/2008.

 

Consultata integralmente 10 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.