Skip to content

Il processo di transizione in Ungheria e Romania

Gratis La preview di questa tesi è scaricabile gratuitamente in formato PDF.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline. L'iscrizione non comporta alcun costo: effettua il Login o Registrati.

Mostra/Nascondi contenuto.
16 sistema socialista13, aveva gi sottolineato la necessit di modificare l organizzazione economica del paese: Una delle conquiste del nostro sistema Ł la piena occupazione. ( ) Nello stesso tempo Ł inevitabile una ristrutturazione razionale della forza-lavoro. L ampliamento della produzione economica, il suo sviluppo, la riduzione delle attivit anti-economiche e, infine, la loro soppressione esigono la ristrutturazione adeguata della forza-lavoro. ( ) Dove Ł necessario ridurre, restringere e fare sforzi indicibili perchØ la produzione da anti-economica diventi economica, dove bisogna procedere a licenziamenti e trasferire lavoratori altrove, sar piø dura per l organizzazione del partito e per il segretario. Ma bisogna fare anche questo. 14 Malgrado queste indicazioni del primo segretario, il mito della piena occupazione ha reso impossibile ogni ipotesi di disoccupazione transitoria (anche nei settori improduttivi) che sarebbe stata necessaria per avviare la risoluzione dei problemi strutturali dell Ungheria (sviluppo intensivo dell economia e ammodernamento e razionalizzazione delle strutture produttive). Nel 1982 il debito estero ammonta a 9 miliardi di dollari e solo l ingresso nel Fondo Monetario Internazionale, il 6 maggio 1982, e nella Banca Mondiale, il 7 luglio, aiuta l economia ungherese ad ottenere altri prestiti in poco tempo. La crisi del debito impone al governo di assumere misure volte ad attenuarne la portata: riduzione degli investimenti, aumento dei prezzi e restrizioni alle importazioni15. Tra il 1982 e il 1984 sono messe in atto una serie di riforme volte ad implementare un nuovo meccanismo finanziario e di mercato riconoscendo alle imprese maggiore libert decisionale ed estendendo il controllo indiretto sull iniziativa privata. Queste misure porteranno nel 1985, come ammetter lo stesso KÆdÆr durante il tredicesimo congresso del partito, ad un generale abbassamento degli standard di vita della popolazione, del valore reale delle pensioni e dei sussidi. Sul fronte piø propriamente politico sono importanti diversi provvedimenti adottati nei primi anni Settanta. Le riforme elettorali del 1966 e del 1970 introducono la possibilit di candidature multiple (due), i comita ti locali, composti anche di non iscritti al partito, possono avanzare candidature per le elezioni amministrative e politiche. Se 13 We have heard opinions expressed that we should n ow reform the reform as well. ( ) Our task in this respect is to follow the experiences with attention and if the institutions and methods need adjusting and developing as well we shall do so. But we will not replace this system of management by anything radically different. In The Hungarian economic reforms, 1953-1988, op. cit., p. 249. 14 In Discorso alla riunione dell attivo di Budapest , settembre 1979, Socialismo e democrazia in Ungheria. Discorsi, articoli, interviste 1957-1982, op. cit. p. 234. 15 Cfr. Relazione del Comitato Centrale al XVII Congresso del POSU, marzo 1980. In Socialismo e democrazia in Ungheria. Discorsi, articoli, interviste 1957-1982, op. cit. p. 238.
Anteprima della tesi: Il processo di transizione in Ungheria e Romania, Pagina 12

Preview dalla tesi:

Il processo di transizione in Ungheria e Romania

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Giordana Pallone
  Tipo: Laurea liv.II (specialistica)
  Anno: 2006-07
  Università: Università degli Studi Roma Tre
  Facoltà: Lettere e Filosofia
  Corso: Storia contemporanea
  Relatore: Roberto Morozzo della Rocca
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 235

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

1989
antall
area danubio-balcanica
comunismo
democratizzazione
democrazia popolare
economia pianificata
europa
europa centro orientale
horn
ion iliescu
janos kadar
m. s. gorbacev
nicolae ceausescu
peter roman
romania
socialismo
storia
transilvania
transizione
ungheria
unione europea
urss

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi