Detenzione di materiale pedopornografico (art. 600-quater C.P.) e Internet. Legislazione, casistica e questioni giurispudenziali.

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

Alle origini della rete ______________________________________________________________________ 6 tramite i numeri di carta di credito, oppure ancora per attività illegali quali la reindirizzazione su falsi siti di e-commerce (phishing) o ancora per l'installazione di dialer truffaldini per numeri a tariffazione speciale. Gli “spyware” possono essere contenuti anche nei programmi “Freeware” che tradotto in italiano non vuol dire altro che “Software Gratis”. Questi programmi vengono distribuiti – gratuitamente e senza fini di lucro da parte dei programmatori / produttori – via Internet o in Cd-rom (anche allegati a riviste). Oltre all'installazione di programmi “Freeware”, altro modo di “infettarsi” con uno “spyware”, è rappresentato dall'installazione di Plugin (utilità aggiuntive) dei rispettivi browser internet aprendo una finestra di conferma di installazione durante la navigazione su certi siti per migliorarne, magari, la visibilità. Il fatto che gli “spyware” vengano distribuiti attraverso i programmi gratuiti non deve farci credere, però, che tutti questi programmi “frreware” contengano degli Spyware. Per sapere se un programma è “infetto”, o meno, è necessario controllare se il nome del programma che stiamo scaricando è presente in una delle banche dati SISL (Spyware Infected Software List) presenti su internet. Il sito www.spyware.it offre il servizio “Check for Spy” che consiste in una banca dati locale in continuo aggiornamento contenente una lista degli Spyware più diffusi permettendo di effettuare la ricerca del nome o parte del nome del programma che vogliamo scaricare o installare sul nostro PC. Il desiderio di anonimato ha spinto alcuni client di file sharing a “codificare” i dati e nascondere diverse funzionalità al fine di proteggere i propri utenti.

Anteprima della Tesi di Andrea Mecocci

Anteprima della tesi: Detenzione di materiale pedopornografico (art. 600-quater C.P.) e Internet. Legislazione, casistica e questioni giurispudenziali., Pagina 6

Tesi di Master

Autore: Andrea Mecocci Contatta »

Composta da 56 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 5469 click dal 06/10/2008.

 

Consultata integralmente 14 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.