Skip to content

L'isteria nel romanzo francese "fin de siècle": Charcot e la sua dottrina in Claretie e Bonnetain

Gratis La preview di questa tesi è scaricabile gratuitamente in formato PDF.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline. L'iscrizione non comporta alcun costo: effettua il Login o Registrati.

Mostra/Nascondi contenuto.
28 leur point de départ: une théorie de la perception”. Charcot fa proprie queste istanze e, fedele al dettato positivista, fonda i suoi studi principalmente sull’osservazione clinica del malato e delle patologie che lo caratterizzano, pervenendo, così, a un “type de connaissance s’exprimant par la formulation d’une 29 ‘loi naturelle’ reliant des observations elles-mêmes formulées”. Ma, proprio il primato attribuito alla mera osservazione nello sviluppo delle sue teorie contribuirà a determinare gli inevitabili limiti che incontra una simile eziologia della malattia mentale, basata esclusivamente su tali presupposti speculativi; le esperienze successive dimostreranno, infatti, come Charcot, “[qui] accumulait dans sa mémoire les images des signes, d’allures, d’attitudes, repérait les plus infimes contractures ou 30 paralysies et édifiait son diagnostic dans une vision synthétique”, perverrà “à des descriptions de maladies définitivement établies une fois por toutes, mais aussi à des 31 erreurs, quand il vou[dra] tout faire entrer dans ses théories”. Ritorneremo sulla questione che merita senz’altro un’analisi più approfondita; comunque, sin dalle prime pubblicazioni, Charcot “utilise une observation recueillie plusieurs années 32 auparavant au cours de son internat”; si tratta in questo caso di lavori che poca attinenza hanno con la neurologia ma che, per la qualità del loro contenuto, gli valgono l’attenzione del mondo medico dell’epoca. Dopo un primo fallimento, Charcot raggiunge l’agrégation nel 1860 e due anni più tardi viene nominato chef de service nell’ospedale della Salpêtrière, da quel momento la cornice esclusiva della sua attività di ricerca. È di quegli anni anche il matrimonio con Mme Durvis, dalla cui unione nasceranno due figli, Jeanne e Jean, quest’ultimo divenuto, poi, esploratore polare di fama mondiale. I primi tentativi per ottenere una cattedra della Facoltà di medicina iniziano nel 1866: Charcot, che già impartisce dei corsi indipendenti dai programmi universitari, presenta la propria candidatura, sostenuto dall’appoggio di eminenti uomini politici tra i quali il Ministro delle Finanze, Achille Fould. Questo, però, non è sufficiente a fargli ottenere l’ambito posto: altri candidati si affermano, trai quali Alexander Axenfeld, medico tedesco naturalizzato francese e autore, tra l’altro, di una serie di 33 conferenze dedicate all’opera di Jean Weir e alla medicina demonologica, sulla 28 A. Kremer-Marietti, Le positivisme, Paris, PUF, 1993, p. 117. 29 Ivi, p. 16. 30 J. Thuillier, Monsieur Charcot de la Salpêtrière, cit., p. 31. 31 Ibid. 32 M. Bonduelle, T. Gelfand, C.G. Goetz, Charcot, cit., p. 53. 33 Vissuto tra il 1515 ed il 1588, il medico Jean Weir (o Wier, o Weiher) si era, tra i primi, opposto alle pratiche previste dal Malleus maleficarum contro la stregoneria, riconoscendo, seppur in modo ancora approssimativo, una radice patologica alle manifestazioni delle “streghe” perseguite dall’Inquisizione. Il ciclo di conferenze valse ad Axenfeld l’attenzione della censura; i testi delle comunicazioni, però, furono ugualmente pubblicati (cfr. A. Axenfeld, Jean Weir et la sorcellerie, Paris, Baillière, 1866) 15
Anteprima della tesi: L'isteria nel romanzo francese "fin de siècle": Charcot e la sua dottrina in Claretie e Bonnetain, Pagina 12

Preview dalla tesi:

L'isteria nel romanzo francese "fin de siècle": Charcot e la sua dottrina in Claretie e Bonnetain

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Cinzia Boneschi
  Tipo: Tesi di Laurea
  Anno: 1998-99
  Università: Università degli Studi di Udine
  Facoltà: Lingue e Letterature Straniere
  Corso: Lingue e Letterature Straniere
  Relatore: Sergio Cappello
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 230

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

bonnetain
charcot
claretie
isteria
letteratura francese
positivismo
romanzo francese
secolo xix

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi