Skip to content

L'isteria nel romanzo francese "fin de siècle": Charcot e la sua dottrina in Claretie e Bonnetain

La preview di questa tesi è scaricabile gratuitamente in formato PDF.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline. L'iscrizione non comporta alcun costo: Loggati o Registrati.

Mostra/Nascondi contenuto.
89 Saussier, Jean-Martin ha altri tre fratelli; completa gli studi del cycle primaire presso la pensione Sabatier, come ricorderà diversi anni dopo lo stesso Charcot al suo ex-compagno di scuola, il poeta Théodore de Banville, che così riporta: Mardi dernier, j’avais été invité à aller entendre chez Alphonse Daudet la lecture faite pour quelques amis du drame que le poète Paul Delair à tiré des Rois en exil. [...] Pendant les entr’actes [...] j’eus l’heureuse chance de retrouver deux hommes illustres que je croyais ne pas connaître, et qu’au contraire, comme vous allez le voir, je connaissais parfaitement. Ce fut d’abord Gambetta [...] célèbre tribun [...]. Ensuite ce fut le docteur Charcot, qui lui aussi vint à moi et serra ma main comme celle d’un vieux camarade, comme c’était justice, car nous sommes en effet de vieux camarades; seulement je ne savais rien! Je me figurais que je n’avais jamais vu ce grand savant et je désirais beaucoup le rencontrer; mais en arrivant chez Alphonse Daudet, j’appris qu’au dîner il avait parlé de moi, et non sans une indulgente mélancolie. Il se plaignait un peu de ce qu’à la pension Sabatier, où nous avons été écoliers dans le même temps, je ne faisais pas attention à lui parce que j’étais dans les grands, tandis que lui au contraire, était dans les petits. A présent la situation est radicalement retournée [...] c’est moi qui suis dans les petits, et c’est lui qui est dans les grands, dans les très 10 grands. Verso la fine del 1843 Charcot s’iscrive alla Facoltà di medicina dopo aver superato il baccalauréat ès lettres ed acquisito una solida formazione umanistica che, all’epoca, conservava tutto il suo valore e prestigio. La maggior parte dei biografi ha dedicato ampio spazio alle ragioni che hanno determinato Charcot nella scelta della carriera medica; le argomentazioni emerse, però, restano semplici 11 congetture; di certo, come sostiene Georges Guillain, “J.-M. Charcot termina ses G. Goetz, Charcot, un grand médecin dans son siècle, Paris, Michalon, 1996, sia per i numerosi riferimenti ai documenti d’archivio ed alle fonti consultate, che per la ricca bibliografia che correda il volume: è essenzialmente a questo lavoro che il nostro profilo biografico si riferisce. Molte delle opere che ripercorrono le fasi della vita del neurologo francese (cfr. bibliografia finale) sono, infatti, troppo spesso pervase dall’estro creativo del biografo, attento più alla qualità artistica del proprio lavoro che al necessario rigore scientifico e giusto rispetto delle fonti. 8 A riprova di quanto i dati sulla vita privata di Charcot siano oggetto delle più svariate interpretazioni, merita di essere segnalata la contraddizione che sussiste tra i biografi rispetto alla primogenitura in casa Charcot (cfr. M. Bonduelle, T. Gelfand, C. G. Goetz, Charcot, cit., p. 22; J. Thuiller, Monsieur Charcot de la Salpêtrière, Paris, Laffont, 1993, p. 26; W. Bannour, Jean-Martin Charcot et l’hystérie, Paris, Métalie, 1992, p. 22). 9 Si tratta del primo livello d’istruzione scolastica e corrisponde, grosso modo, alla nostra scuola dell’obbligo. 10 T. de Banville, Paris vécu, Paris, Charpentier, 1883, pp. 165-166. 11 Charcot non ha lasciato nessuna testimonianaza scritta sulla sua vita privata. E’ impossibile, quindi, giustificare qualsiasi tipo di interpretazione; tuttavia, molte delle biografie da noi consultate si lasciano andare alle tesi più disparate, contribuendo, così, ad alimentare la leggenda che ruota attorno alla vita del grande neurologo, piuttosto che restituirne un’immagine veritiera (cfr. J. Thuiller, Monsieur Charcot de la Salpêtrière, cit., pp. 30-31; W. Bannour, Jean-Martin Charcot et l’hystérie, cit., pp. 28-31). 10
Anteprima della tesi: L'isteria nel romanzo francese "fin de siècle": Charcot e la sua dottrina in Claretie e Bonnetain, Pagina 7

Indice dalla tesi:

L'isteria nel romanzo francese "fin de siècle": Charcot e la sua dottrina in Claretie e Bonnetain

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

Autore: Cinzia Boneschi
Tipo: Tesi di Laurea
Anno: 1998-99
Università: Università degli Studi di Udine
Facoltà: Lingue e Letterature Straniere
Corso: Lingue e Letterature Straniere
Relatore: SergioCappello
Lingua: Italiano
Num. pagine: 230

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario, dalla commissione in sede d'esame, e - se pubblicata su Tesionline - anche dalla nostra redazione.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

bonnetain
charcot
claretie
isteria
letteratura francese
positivismo
romanzo francese
secolo xix

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani

Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi?
Quale sarà il docente più disponibile?
Quale l'argomento più interessante per me?
...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile


La tesi l'ho già scritta, ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri. Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi