La separazione dei coniugi manente vinculo

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

16 Il secolo successivo, segnerà un'evoluzione ulteriore, riconoscendo all'autorità ecclesiastica una competenza in materia matrimoniale non soltanto piena ma anche “esclusiva”. I motivi che sono stati addotti a giustificazione di questo “evento” sono molteplici, conseguenza anche del maggiore o minore sfavore con cui si è guardato al potere ecclesiastico; tuttavia, ciò che preme in questa sede rilevare è che, a partire dal IV sec. i numerosi concili ecumenici hanno iniziato ad occuparsi, in varia misura e da diverse angolature, dell’istituto del divorzio e della separazione, disciplinandone tanto le cause legittimanti, quanto le sanzioni in caso d'inosservanza (arrivando, in alcuni periodi, a vietare il divorzio in modo assoluto). Certamente un’importante evoluzione dottrinaria si ebbe, nel corso del XII secolo, grazie a Pietro Lombardo e Graziano. Il Lombardo elaborò, nell’ambito del concetto di separatio, la nozione di duplex separatio: una corporale e l’altra sacramentale. La prima (indicata come separatio quoad thorum), non sciogliendo il vincolo, poteva derivare da adulterio o entrata in convento del coniuge; la seconda (separatio quoad

Anteprima della Tesi di Miryam Simonetta

Anteprima della tesi: La separazione dei coniugi manente vinculo, Pagina 10

Tesi di Laurea

Facoltà: Giurisprudenza

Autore: Miryam Simonetta Contatta »

Composta da 303 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 6194 click dal 13/10/2008.

 

Consultata integralmente 20 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.