Skip to content

La ricezione e la rielaborazione delle saghe islandesi tra XIX e XX secolo in Inghilterra e negli Stati Uniti: il caso della Grettis saga

Gratis La preview di questa tesi è scaricabile gratuitamente in formato PDF.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline. L'iscrizione non comporta alcun costo: effettua il Login o Registrati.

Mostra/Nascondi contenuto.
dai propositi dell’autore e chiaramente riconoscibili come un’espressione dell’influenza esercitata dal sistema culturale in cui il processo di riscrittura ha avuto luogo. 3.4.1. Struttura del romanzo Nella Preface 31 al romanzo Baring Gould scrive: “In the original book there is a great deal more than I have attempted to retell, but much has to do with the ancestors of Grettir, and there are other incidents introduced of no great importance and very confusing to the memory. So I have taken the leading points in the story, and given them”. La struttura del libro, infatti, è diversa rispetto all’ipotesto. Innanzitutto, mancano interi capitoli della saga: ad esempio, il testo inizia dal cap. XIV della Grettis saga, poiché Baring Gould ha tagliato tutta la sezione genealogica che narra la storia degli antenati di Grettir, benché alcune parti vengano riprese successivamente in veste di racconti riportati a Grettir da altri personaggi del romanzo 32 . Anche lo Spesar Þáttr non viene inserito, probabilmente perché Baring Gould lo ritiene estraneo al resto della narrazione. Mancano, inoltre, anche alcuni passi centrali della saga, come i capp. XXV-XXVI-XXVII. Infine, l’ordine di alcuni capitoli viene scambiato 33 e alcuni sono più estesi rispetto all’ipotesto, con narrazioni più lunghe e particolareggiate. Un esempio è la sezione narrativa sullo scontro tra Grettir e Glámr 34 , come si può notare confrontando la parte dell’arrivo di Glámr nella hall. Nella Grettis saga viene riportato: “Ok er af myndi þriðjungur af nótt, heyrði Grettir út dynur miklar; var þá farit upp á húsin ok riðit skálanum ok barit hælunum, svá at brakaði í hverju tré; því gekk lengi. Þá var farit ofan af húsunum ok til dyra gengit; ok er upp var lokit hurðunni, sá Grettir, at þrællinn rétti inn hûfuðit, ok sýndisk honum afskræmiliga mikit ok undarliga stórskorit” 35 (p. 119). Baring Gould, invece, scrive 36 : 31 Baring Gould (1890: vi). 32 Cfr. Baring Gould (1890: 19-23, 201, 214). 33 Cfr., ad esempio, i capp. XVIII e XIX della Grettla. 34 Per un confronto cfr. il cap. XV della saga e Baring Gould (1890: 139-148). 35 “Quando fu trascorso un terzo della notte, Grettir udì fuori un gran fracasso. Qualcuno si era arrampicato sulla casa e stava a cavalcioni del tetto al di sopra della sala, battendo i talloni a tal punto da far scricchiolare ogni trave; andò avanti così per un pezzo, poi qualcuno scese giù dal tetto e si avvicinò alla porta e, allorché questa venne aperta, Grettir vide il ribaldo metter dentro il capo che gli apparve paurosamente grosso e straordinariamente rozzo”: Grazi (1983: 270). 36 Baring Gould (1890: 141-43).
Anteprima della tesi: La ricezione e la rielaborazione delle saghe islandesi tra XIX e XX secolo in Inghilterra e negli Stati Uniti: il caso della Grettis saga, Pagina 8

Preview dalla tesi:

La ricezione e la rielaborazione delle saghe islandesi tra XIX e XX secolo in Inghilterra e negli Stati Uniti: il caso della Grettis saga

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Arianna Calore
  Tipo: Laurea liv.II (specialistica)
  Anno: 2006-07
  Università: Università degli Studi Ca' Foscari di Venezia
  Facoltà: Lingue e Letterature Straniere
  Corso: Filologia e letteratura dell'antichità
  Relatore: Massimiliano Bampi
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 168

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

allen
baring
beowulf
filologia
french
fuorilegge
gould
grettir
grettis
inghilterra
islanda
islandesi
linguaggio
nordico
norreno
outlaw
ricezione
rielaborazione
riscrittura
saga
stati
strong
uniti
usa

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi