Composizione dell’acqua di abbeverata in allevamenti della Sardegna e possibile impatto sulle performance animali

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

- 6 - fabbricati per la stabulazione degli animali prevedano attenzioni nei confronti della qualità dell’aria, della concentrazione dei gas e della temperatura; inoltre fanno riferimento all’esigenza di un’alimentazione adeguata all’età e stato fisiologico dell’animale e naturalmente sana. Tuttavia, c’è una completa omissione di quelli che sono gli aspetti per la corretta somministrazione dell’acqua agli animali di allevati dal comparto zootecnico. Per questo motivo nelle pagine che seguono verranno analizzati gli aspetti che riguardano l’acqua di bevanda come “nutriente” fondamentale per l’animale, tale da non poter essere trascurato all’interno degli allevamenti zootecnici. 1.2 Importanza e funzioni dell’acqua Spesso si tende a non dare sufficiente considerazione all’acqua di abbeverata usata dagli animali domestici. Questo può rivelarsi un grave errore: la qualità e la quantità d’acqua somministrata agli animali sono direttamente correlati con le performance produttive e riproduttive degli animali allevati (Gastaldo e Rossi, 2006). L'acqua fa parte del 98% delle molecole del corpo ed è necessaria per la regolamentazione della temperatura corporea, la crescita, riproduzione, lattazione, digestione, lubrificazione di giunture e vista, avendo cosi il potere di modificare la salute dell’animale e la produzione da esso effettuati. Basti pensare che in un animale adulto essa rappresenta il 60-70 % del peso corporeo. Il mantenimento del quantitativo di acqua necessario al corpo animale è determinato dagli apporti e dalle perdite di acqua; apporti costituiti da acqua di abbeverata e acqua contenuta negli alimenti, e perdite di acqua attraverso feci, urina, saliva, sudorazione, evaporazione dalla superficie corporea e dalle vie respiratorie e attraverso le produzioni. Relativamente a queste ultime, l’acqua rappresenta il maggiore costituente con l’87% nel latte , circa il 70% nella carne e il 60% circa nelle uova (Piccioni, 1990). Diversamente dagli altri nutrienti essenziali, quali proteine, carboidrati, lipidi, minerali e vitamine, l’attenzione conferita all’approvvigionamento dell'acqua spesso non riceve una valutazione adeguata per assicurare la copertura dei

Anteprima della Tesi di Anna Maria Puddu

Anteprima della tesi: Composizione dell’acqua di abbeverata in allevamenti della Sardegna e possibile impatto sulle performance animali, Pagina 2

Laurea liv.I

Facoltà: Agraria

Autore: Anna Maria Puddu Contatta »

Composta da 41 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1501 click dal 13/10/2008.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.