La social music: la fruizione musicale dal file sharing al social networking

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

     10 lentezza in fase di download , alcuni dei programmi client più famosi per utilizzare la rete sono Morpheus, BearShare, Acquisition, LimeWire e FreeWire Figura VI: La struttura decentrata di Gnutella .Per sopperire ai difetti della rete alcuni sviluppatori hanno creato la rete Gnutella 2, sempre open source e con la possibilità di usufruire anche della rete originale Gnutella. - La rete Fast Track a differenza di Gnutella non è di tipo open source e quindi non tutti possono accedervi, è stata creata, dopo la scomparsa di Napster, dalla compagnia tedesca Kazaa BV; la suddetta rete ha portato delle innovazioni rispetto ai suoi predecessori in quanto si lavora tramite un network basato su supernodi che creano quindi delle reti più piccole e che permettono lo smaltimento del traffico e di conseguenza l’aumento della velocità di download permettendo di scaricare il file anche a più fasi e di farlo da diverse sorgenti contemporaneamente . Il protocollo Fast Track, inoltre, è soggetto alla criptazione , il che vuol dire che i client che richiedono di utilizzarlo devono pagare una licenza. Un altro aspetto non tanto gradito agli utenti di questa rete era che i client che si poggiavano su questa rete erano pieni di pubblicità, spyware ed adware; era evidente che i produttori del servizio cercavano di guadagnarci qualcosa mettendo però allo stesso tempo in pericolo la privacy di chi lo utilizzava.

Anteprima della Tesi di Giuseppe Giuliano

Anteprima della tesi: La social music: la fruizione musicale dal file sharing al social networking, Pagina 8

Laurea liv.I

Facoltà: Scienze della Comunicazione

Autore: Giuseppe Giuliano Contatta »

Composta da 100 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 3819 click dal 03/10/2008.

 

Consultata integralmente 8 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.