Skip to content

La Retorica di Reagan: dalla Crisi della Distensione all' ''Impero del male''

Gratis La preview di questa tesi è scaricabile gratuitamente in formato PDF.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline. L'iscrizione non comporta alcun costo: effettua il Login o Registrati.

Mostra/Nascondi contenuto.
7 1. Da Kansas City a Detroit 1.1 “To Restore America”. Contro la distensione. Il 31 marzo 1976 Ronald Reagan, con un discorso tenuto in diretta nazionale alla NBC, in piena campagna elettorale per le primarie del Partito Repubblicano, attaccava apertamente, e per la prima volta, l’amministrazione Ford sul terreno della politica estera. Si trattava di un attacco diretto alla distensione e in particolare a Kissinger, pronto a “svendere le libertà americane” e principale responsabile della politica rinunciataria degli Stati Uniti. L’attenzione veniva posta da Reagan tutta sulla questione della sicurezza nazionale e sull’ idea di “un pericolo imminente che cresce di giorno in giorno”. Questo pericolo era “la diffusione del totalitarismo, che minaccia il mondo ancora una volta, con le democrazie che stanno errando senza scopo”. Il futuro presidente si appoggiava a Winston Churchill che, come “un’eco dal passato”, giungeva in soccorso degli americani per definire quella che era la politica estera degli Stati Uniti: “errare senza scopo” (wandering without aim) diveniva così la formula ricorrente usata da Reagan per descrivere la situazione dell’America nello scenario internazionale. Una situazione critica in cui l’ Unione Sovietica aveva compiuto lo storico sorpasso, sottraendo agli americani la leadership in materia di armamenti “in un mondo dove è pericoloso, se non addirittura fatale, essere secondi”. Sul banco degli imputati finiva evidentemente l’amministrazione repubblicana del presidente Ford che, sebbene avesse sostituito in piena campagna elettorale il termine “distensione” con la più prudente perifrasi “pace attraverso la forza”, diventava l’artefice del declino statunitense. Dopo essersi chiesto se qualcuno non stesse svendendo la libertà dell’America, Reagan ribadiva di credere fermamente nella pace. Ma ricordava anche che “la pace non si ottiene con la debolezza o con la ritirata, bensì con il ripristino della superiorità militare americana”. “Perché dovremmo essere spaventati?”, proseguiva, quando il rischio di una simile politica non poteva essere che quello di “consegnare l’America, ultima isola di libertà, ai resti della storia, accanto agli scheletri delle civiltà scomparse per sempre”. Non esitava Reagan ad usare la parola “misticismo” per rappresentare la propria convinzione in un Dio che avesse “un proposito divino nel porre quella terra [l’America] tra due oceani, per essere trovata da coloro che nutrivano un particolare
Anteprima della tesi: La Retorica di Reagan: dalla Crisi della Distensione all' ''Impero del male'', Pagina 5

Preview dalla tesi:

La Retorica di Reagan: dalla Crisi della Distensione all' ''Impero del male''

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Marco Fantaccini
  Tipo: Laurea liv.II (specialistica)
  Anno: 2007-08
  Università: Università degli Studi di Firenze
  Facoltà: Lettere e Filosofia
  Corso: Storia contemporanea
  Relatore: Federico Romero
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 80

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

alexander haig
america politica estera
anticomunismo
crociata
détente
distensione
evil empire
george shultz
guerra fredda
guerre stellari
impero del male
kirkpatrick
kissinger
neoconservatori
neoconservatorismo
norman podhoretz
politica estera stati uniti
reagan
ronald reagan
scudo spaziale
sdi
strategic defence iniziative
unione sovietica
whittaker chambers

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi