Iceland: espositore ittico per pesci filettati e colorati

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

Secondo il nuovo dizionario Internazionale del Freddo edito dall’ IFF, il termine “catena del freddo” indica la continuità di mezzi impiegati in sequenza per assicurare la conservazi- one a bassa temperatura di derrate deperibili dalla fase di produzi- one al consumo finale. (Panno) L’ uso del termine “cold chain “ pare che risalga al 1908, quando A. Barriwer lo adoperò per la prima volta. Quando si parla di CATENA DEL FREDDO il primo pensiero è sui surgelati anche se non é la sola categoria alimentare interessata a questa importante “ catena”, garanzia di qualità, igiene, e sicu- rezza alimentare. Hanno infatti una loro catena tutti quei prodotti che dal produttore al consumatore devono essere mantenuti ad una data temperatura anche superiore ai 0 gradi C, come nel caso dei refrigerati. I surgelati si contraddistinguono da questo panorama perché devo- no essere mantenuti ad una T inferiore ai 18 gradi C, requisito che contribuisce al mantenimento qualitativo del prodotto. L’ iter dei prodotti surgelati può essere schematizzato con una serie di operazioni: • carico del prodotto su appositi mezzi di trasporto; • scarico ; • trasporto del prodotto in pedane (unità di trasporto dei car- toni); • trasporto in cartoni (contenitori delle singole confezioni); • stoccaggio in celle frigorifere intermedie • carico dei bancali di vendita Ogni singola operazione è vista come l’ anello della catena, in cui non si deve mai innalzare la temperatura del prodotto surgelato; l’ unione di questi anelli costituisce “ la catena del freddo”. Più in generale, essa è formata dai seguenti anelli: • conservazione del prodotto appena raccolto; se si tratta di un vegetale, si procede all’ abbattimento rapido della temperatura ( prerefrigerazione); • lavorazione del prodotto in ambiente refrigerato; • stoccaggio in magazzini frigo presso il produttore; • trasporto dal centro produttivo al centro di deposito; • distribuzione ai centri di produzione e di vendita; • conservazione nei punti vendita presso armadi refrigeranti; • trasporto dal punto vendita al luogo di consumo; • conservazione all’ interno di frigoriferi domestici. L a c a t e n a d e l f r e d d o La catena del freddo 8

Anteprima della Tesi di Mauro Agostino Carletti

Anteprima della tesi: Iceland: espositore ittico per pesci filettati e colorati, Pagina 11

Laurea liv.I

Facoltà: Design e Arti

Autore: Mauro Agostino Carletti Contatta »

Composta da 134 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 852 click dal 13/10/2008.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.