Dal rito della taranta al vudu haitiano: analisi di alcuni paralleli etnografici nell’opera di de Martino

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

Introduzione L’intento di questa dissertazione è quello di ripercorrere la complessa evoluzione di un fenomeno che da secoli ha attirato l’attenzione di studiosi dei più disparati ambiti di studio, partendo dalla fondamentale conoscenza di de Martino, per inoltrarsi successivamente in una delle tante direzioni da lui stesso indicateci, quale il rapporto con una religione complessa e da sempre caratterizzata da interpretazioni conflittuali e stereotipate come il Vudu. Il fenomeno storico-religioso e antropologico che prende il nome di Tarantismo è a tutt’oggi oggetto di attenzione e di studi, in quanto molti sono ancora gli aspetti che non hanno trovato una spiegazione scientifica adeguata. Si tratta di un fenomeno radicato in Puglia, in particolar modo nel Salento, e si pensa abbia avuto origine durante il Medioevo, protraendosi fino ad oggi in una veste radicalmente mutata ed impoverita. «Si tratta di una formazione religiosa minore, prevalentemente contadina, ma coinvolgente un tempo anche ceti elevati, caratterizzata dal simbolismo della taranta che morde e avvelena, e della musica, della danza e dei colori che liberano da questo morso avvelenato» 1 Questo fenomeno, inoltre, rivive oggi una sorta di rinascita e di riscoperta nel suo aspetto più folklorico, attirando centinaia di persone, soprattutto giovani, interessati per lo più al suo carattere musicale e 1 E. de Martino, La terra del rimorso, Net, Milano, 2002, p.13. 4

Anteprima della Tesi di Niccolò Bacci

Anteprima della tesi: Dal rito della taranta al vudu haitiano: analisi di alcuni paralleli etnografici nell’opera di de Martino, Pagina 1

Laurea liv.I

Facoltà: Lettere e Filosofia

Autore: Niccolò Bacci Contatta »

Composta da 96 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1636 click dal 08/10/2008.

 

Consultata integralmente 2 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.