Il contratto psicologico nelle moderne organizzazioni

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

Contrattazione: un dilemma attuale 6 b. inferenze e interpretazioni fatte in base ad esperienze lavorative passate; c. apprendimento per osservazione e imitazione (ad esempio, attraverso l’esperienza di colleghi che lavorano nella medesima organizzazione). Naturalmente, quanto più una persona si basa su promesse esplicitamente fatte (ad esempio dai diretti superiori), o su esperienze dirette che risultano progressivamente confermate, tanto più è probabile che le sue credenze sulla natura del contratto di scambio siano forti e si mantengano nel tempo. La consistenza e la stabilità delle promesse e delle richieste correlate, rappresentano la base per l’elaborazione da parte del lavoratore di percezioni chiare e consistenti circa obblighi e doveri nei confronti dell’organizzazione. Non tutti condividono a pieno la posizione della Rousseau. Guest (1998) sostiene la necessità di considerare il contratto psicologico come basato sull’interazione tra individuo e organizzazione, e non solamente sulle percezioni del lavoratore. L’eccessiva soggettività farebbe perdere importanza agli elementi di reciprocità e di accordo tra le parti che caratterizzano una forma contrattuale effettiva; Facendo sembrare in tal modo, meno significativa anche le funzioni del contratto psicologico 2 . Fig. 1.1. Schema riassuntivo del dibattito Guest - Rousseau. In generale, si può sostenere che la funzione principale di un buon contratto psicologico consiste nel divenire una condizione necessaria, anche se non sufficiente, per migliorare le condizioni della qualità della vita lavorativa e l’efficienza. Si tratta, in 2 La ricerca recente sta, invece, cercando di chiarire (Lester, Turnely, Bloodgood, Bolino, 2002) tali funzioni. Sembra esistere un buon grado di accordo sul fatto che il contratto psicologico, quando riuscito, serve per: a) incrementare i legami significativi tra persone e organizzazione; b) ridurre l’incertezza organizzativa delineando rappresentazioni soddisfacenti delle proprie posizioni e prospettive di ruolo; c) aumentare la percezione di poter contare nell’organizzazione; d) autoregolare i propri investimenti personali dell’organizzazione.

Anteprima della Tesi di Maurizio Marongiu

Anteprima della tesi: Il contratto psicologico nelle moderne organizzazioni, Pagina 6

Tesi di Laurea

Facoltà: Scienze della Formazione

Autore: Maurizio Marongiu Contatta »

Composta da 174 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 3334 click dal 14/10/2008.

 

Consultata integralmente 10 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.