Autonomia e subordinazione nell'esperienza recente

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

Autonomia e subordinazione nell’esperienza recente 1° Capitolo – Rapporto di lavoro e qualificazione giuridica 10 singoli associati, in quanto questi sono titolari solamente dei poteri tipici dell’autonomia privata individuale e non già del potere costitutivo dell’autonomia collettiva. D’altra parte, gli effetti del contratto collettivo non operano sul piano obbligatorio, come, invece, succederebbe nell’ambito dell’autonomia privata individuale, in quanto tali effetti non determinano un obbligo del datore e del prestatore di lavoro di adattare il contenuto del singolo rapporto alla disciplina dettata in sede collettiva. Piuttosto, gli effetti del contratto collettivo incidono direttamente e inderogabilmente sul contenuto stesso dei rapporti individuali di lavoro ed è per questo che all’esercizio dell’autonomia collettiva viene riportata un’efficacia normativa. Infatti, il contratto collettivo ha la funzione di stabilire minimi di trattamento economico e normativo migliorativi rispetto a quelli fissati dalla legge e non derogabili da parte del contratto individuale di lavoro. Pertanto le clausole del contratto collettivo si sostituiscono automaticamente a quelle del contratto individuale, tranne che queste ultime non contengano condizioni più favorevoli. 20 Tale disciplina è indubbiamente tesa a valorizzare al massimo la persona del lavoratore. 21 Questo, tuttavia, non significa che il contratto individuale debba essere posto in una posizione marginale rispetto a quello collettivo, perché entrambi i contratti sono idonei a dare direttamente assetto al rapporto di lavoro e l’eventuale conflitto tra le due fonti si può risolvere, appunto, nel far prevalere il contratto collettivo su quello individuale, a meno che quest’ultimo non preveda condizioni più favorevoli al lavoratore. 22 20 L’art. 2077, secondo comma, c.c. afferma che «le clausole difformi dei contratti individuali, preesistenti o successivi al contratto collettivo, sono sostituite di diritto da quelle del contratto collettivo, salvo che contengano speciali condizioni più favorevoli ai prestatori di lavoro». 21 Cfr. ROTONDI F., Corso di diritto del lavoro, Cedam, Padova, 2008, p. 4. 22 In tema di organizzazione sindacale e contratti collettivi cfr. PERSIANI M.- PROIA G., Diritto sindacale, Cedam, Padova, 2003, p. 20 e pp. 114 e ss.

Anteprima della Tesi di Mariangela Iurato

Anteprima della tesi: Autonomia e subordinazione nell'esperienza recente, Pagina 14

Laurea liv.II (specialistica)

Facoltà: Giurisprudenza

Autore: Mariangela Iurato Contatta »

Composta da 226 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1901 click dal 17/10/2008.

 

Consultata integralmente 15 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.