Un confronto tra l'approccio narrativo in psicologia e nella Teologia Fondamentale

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

15 delle cose; tutta la conoscenza è semplicemente una riproduzione, una rappresentazione che corrisponde in maniera più o meno esatta ad una riproduzione di quest’ordine (Bara, 1996). In quest’ottica l’unico modo per poter valutare la validità di un dato di conoscenza è quello che si realizza attraverso un criterio di corrispondenza, quando si misura il dato di conoscenza in questione con l’ordine degli assiomi razionali, logici, standardizzati, assunti ad essere l’ordinamento di base del mondo (Viggiano, 1995). 1.1 L’idea di post-razionalismo Verso la fine degli anni ottanta in psicologia è entrata in crisi l’epistemologia empirista (Guidano, 1991). Secondo quest’ultima, la realtà acquista un carattere sostanzialmente oggettivo, indipendente e univoco, cioè uguale per ogni essere umano; essa, infatti, esisterebbe indipendentemente dai nostri modi di percepirla e i significati di questa realtà tenderebbero a restare oggettivamente contenuti nelle cose stesse. Sulla stessa linea argomentativa (Caramelli, 1983), la conoscenza acquista una certa validità solo se esiste un’adeguata corrispondenza tra le rappresentazioni dell’ordine esterno che ha il soggetto conoscente e l’ordine esterno stesso. Questa situazione epistemologica sulla realtà e sulla conoscenza è valida tanto nella corrente empirista quanto nella sua contraria, il razionalismo (Thagard, 1998). Questo impianto teorico è stato fondato a partire dal 1600 fino alla nostra epoca e corrisponde al pensiero di Bacone (Abbagnano, Fornero, 1991), per il quale i sensi ci danno una rappresentazione immediata, riferita a quello che è la realtà; ogni osservazione comprende un’istantanea fotografica che coglie la realtà esterna “così com’è”. Guidano, pioniere dell’approccio post- razionalistico, chiama ciò la posizione dell’osservatore privilegiato (1988a, 1991). Lungo il processo storico avviene che i criteri vanno mutando (Gardner,

Anteprima della Tesi di Marco Molinari

Anteprima della tesi: Un confronto tra l'approccio narrativo in psicologia e nella Teologia Fondamentale, Pagina 8

Tesi di Laurea

Facoltà: Psicologia

Autore: Marco Molinari Contatta »

Composta da 398 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2992 click dal 24/10/2008.

 

Consultata integralmente 6 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.