Skip to content

''Alle grossen Gedichte haben den Wert von Dokumenten''. Le Svendborger Gedichte di Bertolt Brecht.

La preview di questa tesi è scaricabile gratuitamente in formato PDF.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline. L'iscrizione non comporta alcun costo: Loggati o Registrati.

Mostra/Nascondi contenuto.
1.4. Gli scrittori di lingua tedesca in esilio nel 1933-1945. L’esilio rientra già da tempo nella tradizione della letteratura tedesca, precisamente da quando l’umanista cavaliere Ulrich von Hutten fu scomunicato e costretto alla fuga dalla Germania come ribelle per poi morire in Svizzera nel 1523. Il primo grande gruppo di emigrati tedeschi risale al tempo della restaurazione politica nella prima metà del XIX secolo e riguardò, fra i tanti, Georg Büchner, Heinrich Heine e Karl Marx. 22 L’ondata migratoria più consistente ci fu però solo in seguito alla politica culturale della dittatura nazista in occasione della quale furono più di duemila gli scrittori tedeschi costretti ad abbandonare la Germania. Il 1933, anno della salita al potere di Hitler, segnò per tutti gli scrittori di lingua tedesca un profondo cambiamento rispetto al passato e per alcuni ebbe anche fatali conseguenze sull’esistenza psichica e sulla successiva produzione artistica. 23 Tra i nomi di coloro che dovettero o vollero abbandonare il Terzo Reich compaiono quelli degli autori più importanti del periodo tra le guerre, tra cui Johannes R. Becher, Bertolt Brecht, Herman Broch, Alfred Döblin, Lion Feuchtwanger, Thomas ed Heinrich Mann, Robert Musil, Anna Seghers, Kurt Tucholsky, Franz Werfel, Arnold e Stefan Zweig e tanti altri che non furono disposti a sottostare al potere nazista. Non si tratta soltanto di coloro che lasciarono la Germania volontariamente, ma anche di tutti quelli che, in seguito alla legge varata il 14 settembre 1933 sulla privazione della cittadinanza 24 , videro il proprio nome sulle liste dei nuovi apolidi, liste che tra il 1933 e il 1938 diventarono sempre più lunghe. 25 22 Cfr. W. HINCK, Unfreiwillige Wanderungen. Notizen zum literarischen Exil, am Beispiel Heines und Brechts, in F.-R. HAUSMANN (Hrsg.), Literatur in der Gesellschaft. Festschrift für Theo Buck zum 60. Geburtstag, Tübingen, Narr 1990, pp. 145-153. Qui p. 145. 23 Cfr. I. SELLMER, “Warum schreibe ich das alles?“. Zur Rolle des Tagebuches für deutschsprachige Exilschriftsteller 1933-1945, Frankfurt a.M. [u.a.], Lang 1997 (= Europäische Hochschulschriften: Reihe 1, Deutsche Sprache und Literatur, 1617), p. 31. 24 Cfr. ivi , nota 102 p. 32. 25 Ivi, p. 32. 14
Anteprima della tesi: ''Alle grossen Gedichte haben den Wert von Dokumenten''. Le Svendborger Gedichte di Bertolt Brecht., Pagina 14

Indice dalla tesi:

''Alle grossen Gedichte haben den Wert von Dokumenten''. Le Svendborger Gedichte di Bertolt Brecht.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

Autore: Olga Palumbo
Tipo: Tesi di Laurea
Anno: 2003-04
Università: Università degli Studi di Perugia
Facoltà: Lettere e Filosofia
Corso: Lingue e Letterature Straniere
Relatore: HermanDorowin
Lingua: Italiano
Num. pagine: 261

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario, dalla commissione in sede d'esame, e - se pubblicata su Tesionline - anche dalla nostra redazione.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

artista
brecht
esilio
germania
lirica tedesca
nazismo
poesia
politica
raccolta lirica
svendborger gedichte
teatro brechtiano
teatro epico

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani

Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi?
Quale sarà il docente più disponibile?
Quale l'argomento più interessante per me?
...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile


La tesi l'ho già scritta, ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri. Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi