Skip to content

Tuareg: l'evoluzione storica di un popolo nomade

Gratis La preview di questa tesi è scaricabile gratuitamente in formato PDF.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline. L'iscrizione non comporta alcun costo: effettua il Login o Registrati.

Mostra/Nascondi contenuto.
eccessivamente sfruttate oppure in cui la pioggia aveva fatto crescere il manto erboso, per proteggere i germogli. In caso di mancato rispetto delle sue disposizioni, poteva esigere il pagamento di un’ammenda1 1 . Infine percepisce tasse e tributi annuali dai suoi tributari (tiwsé); una percentuale dei bottini di razzie e guerre, il tributo annuale degli imghad della sua tribù, pretendendo, in alcune confederazioni, una parte della taggalt (prezzo della sposa) per ogni matrimonio, oppure una parte dell’eredità alla morte di ogni tributario; impone dazi sul passaggio di carovane sul suo territorio. I beni così raccolti sono generalmente ridistribuiti fra i nobili e gli individui sprovvisti di mezzi di sussistenza (sottoforma d’elemosine “pie”, prestiti e doni) all’interno del suo Ettebel. La tenda dell’Amenokal, è formata da una decina di paletti di due metri di altezza, l’interno spazioso occupa circa una trentina di metri; vi sono selle, mortai per pestare miglio e datteri, tappeti, corna di montone dove è conservato il burro, e un grosso tamburo, il tobol che è il simbolo della dignità regale, che viene suonato solo in determinate circostanze: quando inizia una guerra o si deve firmare un trattato di pace oppure quando il re amministra la giustizia. Il tobol ha una forma semisferica, viene scavato in un tronco d’albero e ricoperto di pelle di bue; da esso prende il nome l’amenokal e la sua tribù12. Essere privato del tobol è il più grande oltraggio che un capo possa subire e costituisce un’offesa al suo prestigio, in particolare quando viene sottratto da un nemico. Il primo amenokal di cui si abbia conoscenza storica precisa, fu Goma, amenokal dell’Hoggar, morto nel 1650, le cui origini risalirebbero alla leggenda di Tin Hinan. Dopo Goma si susseguirono 11 amenokal fino ad arrivare a Bey Ag Akhamouk, che ha regnato dal 1950 fino alla sua morte avvenuta nel 1977. Egli è stato vicepresidente del parlamento algerino fino alla soppressione del parlamento nel 1965. Egli fu comunque considerato amenokal fino al 1969, poi si ritirò ad Abalessa nel suo accampamento dove era considerato il capo spirituale dei tuareg. Alla sua morte la figura dell’amenokal fu cancellata13. - L’Amghar n tawshit (l’anziano della tribù) è il capo tribù eletto da un’assemblea composta dai membri della tribù stessa. L’ amghar fa da intermediario tra l’amenokal e la tribù, regolando le dispute non gravi, facendo da esattore e stabilendo le zone di pascolo. In alcuni ettebel la sua elezione deve essere accettata dall’amenokal, almeno nel caso dell’elezione del capo di tribù particolarmente importanti, mentre in altri, la vita politica interna alla tribù gode di un’ampia autonomia nei confronti del potere dell’amenokal o, in generale, dei nobili. 11 A. Rybiński , “Pastoral Nomads and Conservat ion of the Natural Environment . Elements of Ecological Consciousness among the Tuaregs”, in Hemisphèresn. 5 ,1988, pp. 45-61. 12 A. Bourgeot, Les sociétés touaregues, nomadisme, identité.resistances, Karthala, Paris, 1995, p. 344. 13 A.Gaudio, Uomini Blu…op. cit., p. 121. 12
Anteprima della tesi: Tuareg: l'evoluzione storica di un popolo nomade, Pagina 7

Preview dalla tesi:

Tuareg: l'evoluzione storica di un popolo nomade

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Carla Biggio
  Tipo: Laurea liv.II (specialistica)
  Anno: 2005-06
  Università: Università degli Studi di Cagliari
  Facoltà: Scienze Politiche
  Corso: Relazioni internazionali
  Relatore: Bianca Maria Carcangiu
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 173

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

amenokal
azalai
colonialismo
deserto
esplorazioni del sahara
indipendenza del sahara
mali
niger
nomadi
politica coloniale francese
popolo nomade
sahara
tin hinan
touareg
tuareg
twareg

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi