Le indagini tese al riconoscimento di autore di reato tramite immagini

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

12 predecessori come Herschel e Faulds, integrano le ricerche svolte da Bertillon concentrando molto di più la loro attenzione sulle impronte digitali 9 ; nel 1892 esce “Finger Prints” di Galton nel quale egli individua 4 tipologie di impronte digitali (adelta, monodelta, bidelta, composte) sulla base dei disegni che le linee papillari formano sulle dita. Figura 2. Alcuni esempi di impronte digitali tratte dagli esempi di Galton. Nel 1903, in Italia, nasce la Scuola di Polizia Scientifica di Ottolenghi, il quale accoglie e migliora i metodi di lavoro del “bertillonage”, estendendo il “ritratto parlato” anche all’ambiente circostante la scena del crimine. In quegli anni Gasti perfeziona la suddivisione delle impronte in 4 tipologie, creando una scala “decadattiloscopica” che attribuisce ad ogni tipologia di impronte uno o più numeri, da 0 a 9, per migliorare ancora di più la classificazione. Nel corso del 1900 si è potuto assistere ad un notevole incremento delle modalità di rilevazione di caratteristiche biometriche, con conseguente implementazione (soprattutto da parte della Forze dell’Ordine) di nuove tecnologie atte ad acquisirle nella maniera più precisa possibile e a consentire una migliore gestione delle varie informazioni biometriche in possesso delle Forze dell’Ordine 10 . 9 Per la verità Bertillon le riteneva importanti solo in quanto contrassegni, non avendo ancora individuato la differenza di ogni impronta da un'altra. 10 Si pensi al primo prototipo di AFIS introdotto dall’FBI negli anni ’70 ed oggi diffusosi in tutto il mondo grazie al quale si può giungere ad un immediato confronto tra impronte riscontrate sulla scena del crimine ed impronte appartenenti a eventuali soggetti sospettati.

Anteprima della Tesi di Stefano Caporrella

Anteprima della tesi: Le indagini tese al riconoscimento di autore di reato tramite immagini, Pagina 8

Laurea liv.I

Facoltà: Scienze Politiche

Autore: Stefano Caporrella Contatta »

Composta da 106 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1016 click dal 29/10/2008.

 

Consultata integralmente 3 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.