Il merger leveraged buy out - L'art. 2501 bis nella riforma del diritto societario

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

 14    il problema centrale di tutta l’operazione era l’ipotetica violazione del divieto di assistenza finanziaria contemplato nell’art. 2358 c.c. A seguito della fusione tra newco e target, il patrimonio di target sarebbe servito di fatto a garantire o a ripagare il finanziamento contratto da newco per l’acquisto di target, stessa venendo a violare, secondo alcuni Autori, il divieto di assistenza finanziaria. Nella prassi si sono dunque venute a creare alcune strutture alternative di operazioni di acquisizione societaria, realizzate con l’apporto di finanziamenti esterni e volte a traslare il debito assunto dall’acquirente sul patrimonio della target, allo scopo di minimizzare, anche alla luce dei pochi precedenti giurisprudenziali significativi editi fino alla riforma ( 19 ), il rischio di violazione del divieto di assistenza finanziaria. Tali operazioni sono state infatti strutturate in maniera tale da fare venire meno i presupposti essenziali della disciplina della frode alla legge, cosicché non fosse possibile affermare che l’operazione così strutturata fosse esclusivamente finalizzata ad aggirare il divieto di cui all’art. 2358 c.c. Anche se in tutte le operazioni descritte di seguito la traslazione del debito sul patrimonio della società acquisita è strutturata in modo da non violare in modo nemmeno indiretto il disposto (o la ratio) dell’art. 2358 c.c., tali varianti della forma classica del leveraged buy out non sono comunque state esenti da critiche da parte della dottrina ( 20 ) stante l’incertezza di applicazione del principio della frode alla legge ( 21 ). Analizziamo brevemente dette varianti ( 22 ).                                                              19 Mi riferisco in particolare ai casi: “Farmitalia” Tribunale di Milano, Sezione Civile, 14 maggio 1992 in Il Foro Italiano, 1992, Roma: Il Foro Italiano ed., n. 115, vol. I, parte II, c. 2829-2835 e Tribunale di Milano, Sezione Penale, 30 giugno 1992 in Foro Italiano, Roma: Il foro italiano ed., n. 116, vol. I, 1993, c. 168 con nota di E. SCODITTI, Il caso Farmitalia fra il leveraged buy out ed acquisto di azioni proprie per interposta persona; “Manifattura di Cuorgnè” Tribunale di Ivrea, 12 agosto 1995 in Giurisprudenza Italiana, 1996, Torino: Utet, n. 2, vol. I, p. 196; “Marzoli” Tribunale di Brescia, 1 giugno 1993 in Rivista delle Società, 1996, Milano: Giuffrè, n. 41, vol. I, p. 550-554 con nota di A. CRESPI, Rassegna di diritto societario (1993-1994). Disposizioni penali in materia di società e consorzi; in particolare al caso “Trenno” Tribunale di Milano, 13 maggio 1999 (n. 14) che ha segnato una spaccatura in dottrina; “Papperland” Tribunale di Milano, 4 maggio 1999, in Le Società, 2000, Milano: Ipsoa, n. 3, vol. I, p. 333, con nota di M.S. SPOLIDORO, Effetti patrimoniali e rappresentazione contabile della fusione inversa; “D’Andria” Cassazione Penale, V sezione, 4 febbraio 2000, n. 5503, con nota di L.G. PICONE, 2000, in Le Società, Milano: Ipsoa, n. 6, vol. I, p. 711 ss. Tali sentenze verranno analizzate assieme alle varie correnti formatesi in dottrina nel corso del presente lavoro. 20 Si veda per tutti P. MONTALENTI, 1991, Il leveraged buy out (dattiloscritto), atti di un convegno, Milano 21 Per un’analisi più completa di ciascuna variante si veda L.G. PICONE, 2001, (n. 6), pp. 233-273 22 La descrizione di dette varianti è riportata in maniera più analitica da L.G. PICONE, 2001, (n. 6), pp. 233-271

Anteprima della Tesi di Michele Cappellari

Anteprima della tesi: Il merger leveraged buy out - L'art. 2501 bis nella riforma del diritto societario, Pagina 6

Laurea liv.II (specialistica)

Facoltà: Economia

Autore: Michele Cappellari Contatta »

Composta da 205 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 6444 click dal 21/10/2008.

 

Consultata integralmente 43 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.