Le basi di dati geografiche in Spatial Oracle: funzioni di map-algebra

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

2 modello vettoriale e le caratteristiche fondamentali della map algebra sul modello raster. A questa parte teorica segue la sintesi dei risultati raggiunti nel corso dell’attività di tirocinio svolta presso il Laboratorio di Sistemi Informativi Geografici dell’Università degli Studi di Salerno. L’obiettivo perseguito è stato l’estensione del modulo spaziale di Oracle 11g, usato per eseguire funzioni di Map-Algebra, al dato raster mediante l’utilizzo delle API JDBC e del linguaggio Java. In particolare, l’attività di ricerca è stata suddivisa in due parti: 1. Gestione del dato raster; 2. Funzioni di Map-Algebra. La prima parte, relativa alla gestione del dato raster, ossia l’inserimento e la manipolazione in un DBMS Oracle, e l’analisi delle relative proprietà sono state sintetizzate nell’elaborato finale del collega Izzo Carmine. La seconda parte, inerente le Funzioni di Map-Algebra e, in particolare, gli operatori focali, locali, zonali e globali, costituisce, invece, l’oggetto del presente lavoro. Il DBMS Oracle 11g mette a disposizione un modulo Spatial Data Option GeoRaster che fornisce delle API di basso livello per la manipolazione del dato raster ma non fornisce API relative all’esecuzione di analisi spaziale. Inizialmente lo studio si è soffermato sulle API standard del modulo, senza però ottenere risultati efficienti né in fase di implementazione né in fase di tempo di esecuzione. Si è preferito, quindi, utilizzare altre proprietà che il

Anteprima della Tesi di Gennaro Russo

Anteprima della tesi: Le basi di dati geografiche in Spatial Oracle: funzioni di map-algebra, Pagina 2

Laurea liv.I

Facoltà: Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali

Autore: Gennaro Russo Contatta »

Composta da 101 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 537 click dal 24/03/2009.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.