Skip to content

L'Islam in Europa - Il caso del Belgio

Gratis La preview di questa tesi è scaricabile gratuitamente in formato PDF.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline. L'iscrizione non comporta alcun costo: effettua il Login o Registrati.

Mostra/Nascondi contenuto.
vicenda. Islam e Occidente sono state per lungo tempo delle “strutture di plausibilità” tra loro alternative» 13 . Infatti, attraverso il Mediterraneo, fin dai primi secoli del loro rapporto, Islam e Occidente si sono confrontati, osservati e si rispecchiano. Ma l’immagine che riflettono l’uno dell’altro sembra corrispondere poco alla realtà o comunque quasi mai l’altro ci si riconosce. Immagini spesso deformate e distorsioni che continuano nonostante i progressi delle conoscenze, del moltiplicarsi dei viaggi e dei commerci. Qualcosa però sta cambiando, la realtà si fa più complessa poiché lo sguardo tra Islam e Occidente riguarda soggetti che si trovano sempre più vicini tra loro. Oggi non si può parlare solo di rapporto tra Islam e Occidente, perché è accaduto qualcosa che rende questo rapporto diverso: oggi l’islam è in Occidente. La storia ci parla spesso del processo inverso: l’Occidente ha invaso progressivamente il territorio dell’islam, prima nell’età dell’imperialismo e delle colonizzazioni, oggi con l’economia, le tecnologie e i media. Mentre l’arrivo dell’Islam in Occidente è storia moderna, il suo insediamento nella terra dove il sole tramonta, è un fatto recente. Sono gli anni ’60, gli anni del boom economico europeo a spingere migliaia di uomini a migrare, all’inizio solo per qualche anno, alla ricerca di un lavoro. L’islam nasce migrante, ma la migrazione non resta fine a se stessa. Sul prototipo dell’hijra, 14 la migrazione diventa il mezzo con cui costruire una società islamica. Per le sue stesse caratteristiche l’islam non può rimanere in una posizione di minoranza; un musulmano per dirla con Allievi, dovrebbe vivere in una società islamizzata nella sua struttura e nelle sue istituzioni, in cui si può tuttavia consentire la presenza di minoranze non musulmane. Questo in termini teorici, ma de facto in Europa l’islam vive una situazione di minoranza, dove è difficile rispettare la formula din, dunya, dawla, (religione, vita quotidiana e vita organizzata, governo). Inizialmente i musulmani si sono inseriti individualmente, rispondendo all’offerta di lavoro che l’occidente proponeva e di cui necessitava, per poi diffondersi collettivamente, iniziando dalla comunità più piccola: la famiglia, entrando poi a far parte sempre più del tessuto sociale dei paesi d’immigrazione. Bisogna evidenziare poi il fatto che questo approccio verso l’esterno è una novità storica per l’Islam, in quanto difficilmente in passato i musulmani hanno abbandonato per propria scelta e iniziativa la dar al-islam per andare a vivere tra gli “infedeli”. Inoltre per la tradizione musulmana vi è la convinzione che sia possibile vivere pienamente l’islam solo in terre governate da musulmani (se così non fosse si parla di una sorta di “peccato sociale”). Infatti, chi si trovava a vivere in terra islamica conquistata e quindi governata dagli infedeli doveva abbandonarla. Oggi invece si ha questa scelta volontaria, vivendo l’hijra odierna verso il benessere, le minoranze islamiche in Europa godono di una condizione privilegiata rispetto ad altre minoranze islamiche presenti in paesi più poveri. L’islam quindi non è più dall’altra parte ma è in mezzo a noi, fra i milioni di musulmani stabilitisi in Europa. La frontiera tra i due mondi, se c’è ancora, si è molto affievolita, il nuovo rapporto che oggi li unisce implica un’indispensabile 13 P. Berger, La sacra volta, Sugarco, Milano 1984; Cit. in S. Allievi, op. cit., p. 31. 14 Significa emigrazione, si riferisce alla partenza del Profeta dalla Mecca nel 622 d.C. La sua critica al politeismo aveva suscitato la collera dei mercanti meccani. Costretto all'esilio, Maometto è andato a Yathrib (poi rinominata Medina), e ne diventa governatore. L’egira segna l’inizio del calendario islamico lunare. 8
Anteprima della tesi: L'Islam in Europa - Il caso del Belgio, Pagina 5

Preview dalla tesi:

L'Islam in Europa - Il caso del Belgio

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Federica Vacca
  Tipo: Laurea liv.II (specialistica)
  Anno: 2008-09
  Università: Università degli Studi di Cagliari
  Facoltà: Scienze Politiche
  Corso: Relazioni internazionali
  Relatore: Patrizia Manduchi
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 124

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

aid ek kebir
associazioni islamiche
belgio
bruxelles
centro islamico
chiesa cattolica
cimiteri musulmani
comunità europea
esecutivo dei musulmani
europa
generazioni
imam
immigrazione
infedeli
integrazione
islam
legge bossi fini
matrimoni misti
moschea
oriente e occidente
poligamia
ricongiungimento familiare
ripudio
tariq ramadan

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi