Il rischio operativo nell'accordo di Basilea 2

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

5 CAPITOLO 1 BASILEA 1: il primo accordo 1.1 IL COMITATO DI BASILEA Il Comitato di Basilea per la Vigilanza Bancaria è un organismo di consultazione che si riunisce periodicamente presso la Banca dei Regolamenti Internazionali (Bank for International Settlements: BIS) con sede proprio a Basilea, Svizzera. Esso è stato istituito dai governatori delle Banche centrali dei dieci paesi più industrializzati (G10) nel 1974 e gli attuali membri sono i governatori delle rispettive Banche Centrali di Belgio, Canada, Francia, Germania, Italia, Giappone, Lussemburgo, Paesi Bassi, Spagna, Svezia, Svizzera, Regno Unito e Stati Uniti. L'attuale presidente del comitato è Nout Wellink, governatore della Banca dei Paesi Bassi. 1.1.2 Le origini Il Comitato di Basilea fu istituito nel 1974 dopo un fatto che colpì il mercato: il fallimento della Bankhaus Herstatt 1 un istituto di medie dimensioni molto attivo sui mercati valutari che rappresentò il primo e più grave caso di fallimento bancario, in cui il mancato regolamento di transazioni valutarie ha causato gravi difficoltà ai sistemi di pagamento e regolamento. 1.1.3 Funzioni Il Comitato di Basilea ha come obiettivi: ∞ Rafforzare la sicurezza e l'affidabilità del sistema finanziario; ∞ Stabilire degli standard minimi in materia di vigilanza prudenziale; ∞ Diffondere e promuovere delle migliori pratiche bancarie e di vigilanza; 1 Per una trattazione del ruolo di Bankhaus Herstatt sui mercati valutari, cfr. Remolona et al. 1990

Anteprima della Tesi di Damiano Dal Maso

Anteprima della tesi: Il rischio operativo nell'accordo di Basilea 2, Pagina 1

Laurea liv.I

Facoltà: Economia

Autore: Damiano Dal Maso Contatta »

Composta da 79 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1421 click dal 23/03/2010.

 

Consultata integralmente 4 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.