Un'estensione temporale delle logiche descrittive fuzzy

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

un’estensione temporale delle logiche descrittive fuzzy   verso f _ +(D) Politecnico di Milano 5 marco furlan 2006/2007 univocamente da una e una sola Linea Universo. La Linea Universo di un individuo è costituita dalla sequenza dei suoi Eventi. Un Evento Event è la rappresentazione dell'individuo in un particolare istante temporale. L’istante temporale è associato ad ogni Event da un predicato concreto. Gli Event corrispondono agli eventi spaziotemporali della fisica, ma potrebbero anche essere chiamati realizzazioni, incarnazioni, manifestazioni, istanziazioni o avatar della Linea Universo di un individuo. La Linea Universo ULine, composta di Event, a sua volta si potrebbe vedere anche, in se stessa, come l’astrazione o il se’ dell’individuo. Ogni Event è dunque caratterizzato dalla ULine cui appartiene e dal valore del dominio temporale ad esso associato. Mentre ogni Event appartiene ad una e una sola ULine, un istante temporale, ovviamente, può caratterizzare Event di ULine distinte: si hanno Event contemporanei, precedenti e successivi. Dall’ordinamento del dominio temporale viene dunque indotto un ordinamento degli Event. Parlando delle ontologie particolari, esistono concetti che costituiscono proprietà immutabili dell’individuo. Ad esempio, il concetto di Persona: se l’individuo marco è Persona, lo è per tutta la sua esistenza; oppure il concetto di Lampadina per l’individuo lampadinan. Nelle ontologie, questi concetti sono attribuiti alla ULine dell’individuo e sono ereditati da ogni suo Event. Altri concetti, invece, sono proprietà transeunti e modificabili dell’individuo. Ad esempio, il concetto di Funzionante (crisp) per un individuo lampadinan o Felice (fuzzy) per l’individuo marco. Questi concetti sono attribuiti, nell’ontologia, ai singoli Event interessati e non riguardano la ULine. Se osassi scomodare Aristotele, forse non sarebbe in totale disaccordo con questa parte della mia impostazione che riguarda la semantica dei concetti statici. Aristotele potrebbe dire che un concetto statico proprio della ULine è Sostanza ( ), mentre un concetto statico proprio di un Event, ma non della sua ULine, è Accidente ( ) (3). Chiaramente, Aristotele aveva introdotto Sostanza ed Accidente in un universo di concetti crisp: egli è il padre, appunto, della logica aristotelica. Nel nostro caso, consideriamo, in generale, anche concetti fuzzy. Oltre a questi concetti, che hanno una valutazione istantanea, esiste nel linguaggio parlato una vasta classe di concetti che hanno semantica, invece, intrinsecamente dinamica. Mi riferisco a concetti come Arricchito, Invecchiato, Sollevato, Avvicinato e ogni concetto sul divenire. Per descrivere questi, definisco una nuova semantica per alcuni operatori temporali, già esistenti in letteratura, che, applicati a concetti, costruiscono nuovi concetti dinamici. Essi sono gli operatori sometime ⃟, always ⃞, Until , Since , Next ⨁, Prev ⊖. I concetti dinamici richiedono, per essere valutati su un individuo, di considerare necessariamente tutto o una parte dell’insieme dei suoi Event. sometime ⃟ ed always ⃞ sono operatori unari, Until  e Since  sono binari, Next ⨁ e Prev ⊖ sono anch’essi unari. Con essi posso dire se la mia Pressione è stata “qualche volta (sometime) Alta” oppure è stata “sempre (always) Normale” oppure se è stata “Alta finché (Until ) non è iniziata la terapia” oppure se è stata “Normale da quando (Since) è iniziata la terapia”. Inoltre, posso valutare il valore della mia pressione nell’istante successivo (Next) o precedente (Prev) a quello in esame.

Anteprima della Tesi di Marco Furlan

Anteprima della tesi: Un'estensione temporale delle logiche descrittive fuzzy, Pagina 3

Tesi di Laurea

Facoltà: Ingegneria

Autore: Marco Furlan Contatta »

Composta da 125 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 413 click dal 26/03/2010.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.