Necessità causale, libero arbitrio e responsabilità morale: incompatibilismo e compatibilismo in Peter van Inwagen

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

8 perciò una assenza di costrizioni od ostacoli che impediscano di agire8. La maggior parte dei compatibilisti contemporanei(D. Shatz) inoltre negano che l‟esistenza di possibilità alternative, ovvero la possibilità per l‟agente di agire altrimenti, sia una delle condizioni necessarie per il libero arbitrio9. Nuove forme di compatibilismo comprendono le reactive attitudes theories(P. F. Strawson) e le mesh theories. Secondo le prime, i problemi del libero arbitrio riguardano principalmente le condizioni richieste per ritenere una persona responsabile delle proprie azioni. In accordo con queste teorie, la responsabilità consiste nell‟adottare certi comportamenti reattivi verso se stessi e gli altri, come ammirazione, indignazione, accusa o gratitudine. Essere responsabile significa quindi essere un destinatario adatto di tali atteggiamenti, i quali non potrebbero essere abbandonati anche se si provasse la verità del determinismo. Essi infatti sono costitutivi del nostro agire umano10. Le mesh theories affermano che la libertà richiesta per la responsabilità è una funzione dell‟appropriata „maglia‟ o connessione tra le azioni o le scelte degli agenti da una parte, e le ragioni o i moventi dell‟azione dall‟altra11. In questa branca di teorie si distinguono poi varianti quali le Hierarchical theories(H. Frankfurt), secondo le quali le persone possiedono una capacità di autovalutazione riflessiva, che si manifesta nella formazione di desideri di secondo ordine, ovvero il desiderio di avere dei desideri di primo ordine. Il libero arbitrio richiede che noi valutiamo i nostri desideri o motivi di primo ordine e ci formiamo volizioni di secondo ordine. I nostri desideri di primo ordine, ovvero quelli che ci fanno agire, sono „liberi‟ quando si conformano alle nostre volizioni di secondo ordine. Un altro sottogenere sono le Valuational theories(G. Watson), che sostengono che la connessione richiesta per l‟agire libero è quella tra il sistema valutativo dell‟agente (le credenze in ciò che è buono e che dovrebbe essere fatto), che ha la sua fonte nella sua ragione, e il sistema motivazionale( desideri e altri moventi) che ha la sua fonte negli appetiti12. Una ulteriore varietà delle mesh theories sono le reason theories(S. Wolf) che si basano sulla tesi che la libertà consista nell‟essere in grado di fare la cosa giusta per le giuste ragioni. Ciò richiede la capacità di cogliere il Vero e il Buono13. 8 R. Kane, Introduction: the Contours of Contemporary Free Will Debates, in R. Kane, ed., The Oxford Handbook of Free Will, Oxford University Press, New York 2002, p. 12. 9 Ibid., p. 15. 10 Ibid., p. 19. 11 Ibid., p. 20. 12 Ibid., pp. 20-21. 13 Ibid., p. 21.

Anteprima della Tesi di Milo Nanni

Anteprima della tesi: Necessità causale, libero arbitrio e responsabilità morale: incompatibilismo e compatibilismo in Peter van Inwagen, Pagina 3

Laurea liv.I

Facoltà: Lettere e Filosofia

Autore: Milo Nanni Contatta »

Composta da 57 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2139 click dal 23/03/2010.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.