Fedra e l'Usignolo. Riscrittura del mito nel teatro di Timberlake Wertenbaker e Sarah Kane

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

qualche classico, fu il linguaggio che tutti questi autori, in modo personale e del tutto originale, usavano. La scrittura, poiché lavoravo sul testo e non sulla performance, così come accadrà in questo contesto, era asciutta, immediata, scabra, funzionale, insomma ciò che c‟è di più lontano dalla prolissità. Ma anche in questo caso ho trovato conferma di non essere la sola a pensarla così. Nella rivista di teatro "Sipario" del gennaio-febbraio 1997, in occasione del Festival Intercity del Teatro della Limonaia di Sesto Fiorentino, che quell‟anno presentava una rassegna sulla nuova drammaturgia inglese e che per altro vide partecipe in prima persona Sarah Kane con la prima nazionale di Blasted (Dannati1), Barbara Nativi afferma: Sono testi lontani dalle nostre corde, c‟è un grosso scarto culturale, più di quanto non potessi immaginare […]. Mi sono sembrati tutti testi per noi ben curiosi, soprattutto per la necessità di trovare un‟altra corda di lavoro rispetto a quelle a cui siamo abituati3 Segue Mauro Martinelli: Una scrittura, che rispetto alle nostre, si distingue per una veridicità assoluta: qualsiasi cosa, anche la più surreale, è in qualche modo plausibile. Meno licenze poetiche, se si intende la poetica come scollamento dalla realtà, digressione nel fantastico, ma una grande cura del particolare. 4 Inoltre, un‟altra cosa che rendeva ai miei occhi questi testi squisitamente interessanti è che, differenti per contenuti e per modalità di scrittura, erano chi più chi meno tutti lontani da una forma tradizionalmente realistica e in tutti si avvertiva il profondo legame con la tradizione elisabettiana e giacomiana. In questo fermento di testi teatrali che studiavo durante il corso, mi ero inoltre imbattuta in numerose riscritture di antichi miti e tragedie classiche da parte di diversi autori: lo stesso The Love of The Nightingale di Timberlake Wertenbaker di cui parlerò nello specifico in seguito, è una rivisitazione del mito di Filomela, Procne e Tereo, Phaedra Britannica di Thomas Harrison, Thyestes di Caryl Churchill, Tales from Ovid di Ted Hughes che ebbi modo di vedere in scena allo Young Vic di Londra quello stesso anno. 1 Trad. di Barbara Nativi. 3 Mauro Martinelli, Il Ritorno della Storia ,in "Sipario", gennaio-febbraio 1997. 4 Ibidem.

Anteprima della Tesi di Francesca Duranti

Anteprima della tesi: Fedra e l'Usignolo. Riscrittura del mito nel teatro di Timberlake Wertenbaker e Sarah Kane, Pagina 3

Tesi di Laurea

Facoltà: Lettere e Filosofia

Autore: Francesca Duranti Contatta »

Composta da 228 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 4089 click dal 26/03/2010.

 

Consultata integralmente una volta.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.